Vladimir Putin è sempre più al comando della Russia come dittatore: le nuove leggi dello zar lo dimostrano.

Vladimir Putin, lo zar russo, ha varato nuove leggi per cementare il proprio potere nella sua terra. Nel dettaglio, parliamo di un provvedimento che gli permette di prendere di mira gli oppositori politici senza particolari difficoltà. Se, fino a ieri, per finire nella lista nera del Cremlino bisognava ricevere presunti “finanziamenti esteri”, ora basterà solamente essere “sotto influenza straniera”. Cosa significa questo, nel fattuale? Che Putin potrà fare il bello e il cattivo tempo ancor più di quanto fa attualmente.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Gli “agenti stranieri”

Negli anni scorsi, le autorità della Russia hanno bollato come “agenti stranieri” media indipendenti, reporter, Ong, attivisti e giornalisti. Il Cremlino ha messo nella propria lista nera anche una delle più importanti organizzazioni volte a difendere i diritti umani: parliamo del Memorial Internazionale, di cui è stato ordinato lo scioglimento in Russia. Ma non solo: anche la testata online Meduza è stata bollata come “agente straniero”, e da quel momento è stata sottoposta a duri controlli.

Vladimir Putin
Vladimir Putin

In seguito all’invasione dell’Ucraina, ordinata dallo zar, Putin ha anche inasprito la repressione politica nel proprio paese, dove una legge “bavaglio” promulgata da poco prevede fino a ben 15 anni di carcere. Come finire nel provvedimento? Divulgare notizie sull’esercito russo che il regime dovesse definire “false”. Da ciò, le testate non possono assolutamente schierarsi contro la guerra in Ucraina. Per aver avuto la forza e il coraggio di denunciare l’invasione, due dei più importanti oppositori politici russi di Putin, ovvero Ilya Yashin e Vladimir Kara-Murza, sono finiti in carcere.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 15-07-2022


Elezioni anticipate, un’ipotesi che potrebbe diventare realtà 

Covid, Omicron 5 è la sottovariante predominante in Italia