Legge di bilancio e pensioni: come funziona Quota 102 e come è possibile andare in pensione nel 2022 con la proroga dell’Ape e di Opzione Donna.

Per superare quota 100 il governo ha deciso di passare a quota 102, che finisce il legge di bilancio. Ma come funziona il nuovo sistema pensionistico?

Terza dose Vaccino, a chi spetta prima e quanto dura.

Come funziona Quota 102 e quali sono i requisiti

Quota 102 prevede la possibilità di andare in pensione a 64 anni di età e almeno 38 anni di contributi versati. Il compromesso ideato per provare a superare le resistenze della Lega e quelle dei sindacati prevede che il nuovo sistema resti in vigore un solo anno. Di fatto si supera Quota 100, come desiderato dal Presidente del Consiglio Mario Draghi, ma si rinvia il discorso sulla riforma organica del sistema pensionistico.

pensione anziani
pensione anziani

Opzione Donna e Ape Sociale, la pensione nel 2022

Non solo Quota 102. Il premier, sempre per andare incontro alle richieste dei partiti e dei sindacati, ha optato per la proroga di un anno dell’ape sociale e di Opzione Donna. Per quanto riguarda l’Ape sociale si prevede una revisione dei criteri per estendere la norma ad altri lavoratori impegnati in attività considerate gravose. In termini pratici si allunga la lista dei lavori gravosi e si allarga la platea degli aventi diritto alla pensione attraverso l’Ape.

risparmio pensione
risparmio pensione

Come funziona l’Ape sociale

L’Ape prevede che si possa andare in pensione a 63 anni di età e meno di 38 anni di contributi. “L’articolo 1, commi da 179 a 186, della legge di bilancio 2017 e s.m.i. prevede un’indennità a carico dello Stato erogata dall’INPS, entro dei limiti di spesa, a soggetti in determinate condizioni previste dalla legge che abbiano compiuto almeno 63 anni di età e che non siano già titolari di pensione diretta in Italia o all’estero. L’indennità è corrisposta, a domanda, fino al raggiungimento dell’età prevista per la pensione di vecchiaia, ovvero fino al conseguimento della pensione anticipata o di un trattamento conseguito anticipatamente rispetto all’età per la vecchiaia di cui all’articolo 24, comma 6, del decreto-legge 6 dicembre 2011, n. 201, convertito dalla legge 22 dicembre 2011, n. 214 (cd. legge Monti-Fornero), si legge sul sito dell’Inps.

Hanno diritto all’Ape i lavoratori disoccupati che “hanno concluso integralmente la prestazione per la disoccupazione da almeno 3 mesi” e con alle spalle almeno 30 anni di contributi e i lavoratori che al momento della decorrenza dell’indennità abbiano 36 anni di contributi e abbiano svolto lavori gravosi.

Per ulteriori informazioni consultare il sito dell’Inps alla sezione dedicata.

Come funziona Opzione Donna

Usufruendo di Opzione Donna è possibile andare in pensione con 58 anni per le lavoratrici di pendenti e 59 per le lavoratrici autonome e almeno 35 anni di contributi versati.

Riproduzione riservata © 2021 - NM

ultimo aggiornamento: 28-10-2021


Cos’è il G20, come funziona e quali sono i Paesi membri

La Bce lascia i tassi d’interesse invariati. Lagarde: “L’economia cresce con forza”