Partorisce e si laurea lo stesso giorno. Una giovane neomamma friulana è riuscita in questa impresa.

TOLMEZZO (UDINE) – Partorisce e si laurea lo stesso giorno. Questa straordinaria impresa è stata firmata da una giovane ragazza friulana che l’11 giugno 2020 è riuscita nell’impresa di dare alla luce un bimbo e poco dopo discutere la tesi a distanza conseguendo il titolo di dottoressa in Scienze della Formazione Primaria.

Una doppia impresa che è stata fatta grazie ad un computer ed una connessione internet che ha permesso alla giovane di poter ottenere la laurea.

La felicità della neomamma

La notizia è stata raccontata dal Corriere della Sera con la giovane che ha espresso la sua felicità: “E’ stato un giorno memorabile – ha detto – dopo la nascita di Riccardo avevo rinunciato alla laurea. Devo ringraziare il reparto che mi ha incoraggiato e preparato“.

E l’Ateneo ha aggiunto: “Senza la didattica a distanza, in effetti, Elisa avrebbe dovuto rimandare tutto a luglio“.

Il doppio traguardo

Un doppio traguardo non preventivato come ha spiegato la stessa neomamma: “Mercoledì 10 sono andata per il monitoraggio di routine e hanno deciso di ricoverarmi. E’ stata una fortuna perché nella notte ho avuto delle perdite“.

Una seconda laurea per la giovane che ha deciso di abbandonare la carriera di Economia aziendale per dedicarsi all’insegnamento: “Io sono abituata a fare mille cose. Non mi sentivo stanca, l’emoglobina si era dimezzata e i medici mi dicevano di fare presto“. Al suo fianco il marito Alessandro che l’ha aiutata a compiere questa impresa portando il computer e tutto l’occorrente per poter discutere la tesi di laurea. E il voto non poteva essere che 110 e lode per una ragazza che è riuscita a raggiungere un doppio traguardo inaspettato in questo periodo di pandemia. Il tutto naturalmente grazie alla didattica a distanza e all’impegno dei medici.

Perchè vaccinarsi contro l'influenza? Pro o contro

TAG:
cronaca laurea nascita Tolmezzo

ultimo aggiornamento: 13-06-2020


Nuovo naufragio di migranti al largo della Libia. 12 morti, tra cui due bambini

Con le mascherine in Italia evitati 78mila contagi, i risultati di uno studio