Un ragazzo di 13 anni è morto ad Asti dopo essere rimasto incastrato nel divano letto. Indagini in corso per accertare l’accaduto.

ASTI – Tragedia ad Asti nel pomeriggio di domenica 3 ottobre 2021. Un ragazzo di 13 anni, come raccontato da La Repubblica, è morto dopo essere rimasto incastrato nel divano letto. La chiamata ai soccorsi è stata fatta dal cugino della vittima, ma il personale sanitario non ha potuto fare altro che constatare il decesso.

E’ stata aperta un’indagine per accertare meglio quanto successo e il divano letto è stato sequestrato. Nei prossimi giorni ci saranno degli approfondimenti per capire il motivo di questa chiusura improvvisa che ha portato alla morte del giovane.

13enne morto ad Asti, la ricostruzione

Quanto successo ad Asti è ancora al vaglio degli inquirenti. Dalle prime informazioni, il 13enne era solo in casa quando è rimasto incastrato con la testa nel divano letto del soggiorno non riuscendo più a liberarsi. A lanciare l’allarme, secondo la ricostruzione, è stato lanciato da un cugino. Il parente è andato a trovarlo, ma ormai non c’era più niente da fare. Il personale sanitario non ha potuto fare altro che constatare il decesso.

Una tragedia che ha scosso l’intera provincia di Asti. Sono in corso gli approfondimenti del caso per accertare meglio quanto successo.

Ambulanza
Ambulanza

Le indagini

Le indagini sono in corso. Dalle prime informazioni la chiusura improvvisa del divano letto potrebbe essere stato causato da una molla difettosa, ma gli inquirenti preferiscono non escludere nessuna ipotesi almeno fino a quando non si hanno delle prove certe sull’accaduto.

Il divano letto è stato sequestrato e sono in corso tutti gli approfondimenti del caso. Una tragedia che ha scosso l’intera cittadina di Asti e nei prossimi giorni gli inquirenti proveranno a fare degli approfondimenti per provare a capire il motivo di questa vicenda.

ultimo aggiornamento: 03-10-2021


Coronavirus, Figliuolo: “In settimana raggiungeremo l’80 per cento dei vaccinati”

Scuola, 110.000 banchi monoposto non a norma e a rischio incendio