Rapporto annuale Istat, il coronavirus aumenta le disuguaglianze

Istat, il coronavirus aumenta le disuguaglianze

Il rapporto annuale dell’Istat, con il coronavirus aumentano le disuguaglianze sociali. ‘L’ascensore’ si muove verso il basso.

In occasione del rapporto annuale., l’Istat ha fatto il punto inevitabilmente sulla situazione dell’Italia alle prese con l’emergenza coronavirus. I dati dell’Istituto evidenziano come l’emergenza economica stia allargando la forbice sociale aumentando le disuguaglianze. E a lungo termine a farne le spese potrebbero essere i giovani.

Di seguito il video della presentazione del rapporto annuale dell’Istat

Istat, il rapporto annuale: il coronavirus aumenta le disuguaglianze

Nell’immediato l’emergenza coronavirus ha provocato un aumento del gap sociale. Dal punto di vista occupazionale le donne hanno pagato più degli uomini, mentre la digitalizzazione ha penalizzato le fasce meno abbienti e le zone d’Italia più arretrate dal punto di vista tecnologico. L’Istat evidenzia che di fatto sono diminuite – se non addirittura annullate – le possibilità di migliorare la propria condizione economica rispetto alla famiglia d’origine. tradotto, l’ascensore sociale si muove verso il basso.

Il lavoro e la disoccupazioni, donne e giovani a rischio

Il problema del lavoro dovrebbe colpire in particolare anche nei prossimi mesi le donne e i giovani, i soggetti a rischio disoccupazione.

Il rischio di un crollo demografico

L’Italia inoltre rischia un crollo demografico. I dati delle nascite continuano a far segnare un andamento preoccupante e l’incertezza soprattutto economica legata al coronavirus ha segnato la strada verso un nuovo calo. E se la situazione non dovesse migliorare la situazione potrebbe diventare addirittura drammatica.

La fiducia nelle istituzioni e il senso civico, le buone notizie nei mesi duri dell’emergenza coronavirus

La buona notizia arriva dal fatto che l’emergenza coronavirus ha portato alla riscoperta di valori come la fiducia della popolazione nelle istituzioni e uno spiccato senso civico. Gli italiani hanno assecondato e rispettato le regole anti-coronavirus dando un bel segnale di responsabilità nei mesi duri dell’emergenza, quelli del lockdown.

ultimo aggiornamento: 03-07-2020

X