Il rapporto Istat e ISS sulla mortalità nel primo trimestre del 2020. Le regioni del Nord pagano un prezzo drammatico in termini di vite umane.

Rapporto Istat e ISS sulla mortalità della popolazione residente nel primo trimestre del 2020. I dati Istat sui decessi in Italia ai tempi del coronavirus forniscono una fotografia drammatica dell’emergenza sanitaria che ha investito l’Italia. Basti pensare che nel mese di marzo (del 2020) si registra un aumento quasi del 50% dei decessi rispetto allo stesso periodo di tempo dell’anno precedente, quindi del 2019.

Istat e ISS, il rapporto sulla mortalità della popolazione nel primo trimestre del 2020

I dati sono figli dello studio condotto dall’Istat con la collaborazione dell’Istituto Superiore di Sanità che hanno analizzato i dati do 6.866 Comuni. Un dato più che significativo che fornisce una fotografia decisamente aderente alla situazione effettiva.

Green Pass obbligatorio, le regole dal 15 ottobre

Istat
Fonte foto: https://www.facebook.com/IstatCensimentiGiornoDopoGiorno

Nel mese di marzo mortalità in aumento del 49,4 per cento

Nel mese di marzo del 2020 si registra una crescita dei decessi del 49,4% rispetto al mese di marzo del 2019 per quanto riguarda il livello medio nazionale. Il dato nazionale viene in qualche modo ammortizzato dal fatto che l’emergenza coronavirus nel nostro paese ha interessato principalmente il Nord e in maniera critica poche regioni.

Il Nord Italia

Analizzando i dati del Nord Italia la mortalità di fatto è raddoppiata nel mese di marzo rispetto alla media 2015-2019. Si registra un drammatico 91% dell’eccesso di mortalità riscontrato a livello medio nazionale.

Non sorprende il fatto che a pagare un prezzo salatissimo siano, nell’ordine, città come Bergamo (+568%), Cremona, Lodi, Brescia, Piacenza, Parma, Lecco, Pavia, Mantova Pesaro e Urbino.

Il Centro e il Sud

Al Centro e al Sud la situazione è decisamente meno drammatica. Anzi, in diverse aree della zona si sono registrati addirittura meno decessi rispetto alla media degli scorsi anni. Un esempio iconico è dato dalla Città di Roma, dove nel mese di marzo 2020 si registra una decrescita del 9,4% rispetto alla media.

Di seguito il rapporto completo dell’Istat e dell’ISS sulla mortalità della popolazione residente nel primo trimestre del 2020

ultimo aggiornamento: 05-05-2020


Fase 2, buona la prima. Italia responsabile, si riparte ma senza caos

Papa Francesco: “Ci sono delle ideologie che impediscono la libertà di seguire Gesù”