I sovranisti si congratulano con Giorgia Meloni mentre il resto dell’Europa teme.

A congratularsi per primo con Giorgia Meloni è stato il premier polacco Morawiecki ultraconservatore e sovranista. Sostegno anche dall’Ungheria: “In questi tempi difficili, abbiamo bisogno più che mai di amici che condividano una visione e un approccio comune alle sfide dell’Europa” ha scritto Orbàn ribadendo l’amicizia tra i due paesi. Anche dal partito di Le Pen arrivano urla di vittoria: “Gli italiani hanno dato una lezione di umiltà all’Ue” scrivono. Anche la leader di Afd, partito neonazista tedesco, fa il tifo per l’Italia.

I primi a esultare e congratularsi per la vittoria di Meloni sono leader e partiti che hanno questioni aperte con Bruxelles soprattutto per questioni di diritti. Il resto dell’Europa invece guarda con timore e preoccupazione questa vittoria lanciando l’allarme che con la vittoria di Meloni, che segue la vittoria della destra in Svezia, il neofascismo sta tornando in Europa.

Giorgia Meloni
Giorgia Meloni

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

I timori di Bruxelles e di Washington

Grande ansia anche oltreoceano dove il New York Times che ha seguito le elezioni live, che oggi titola: “Gli elettori italiani sembrano pronti a voltare pagina per l’Europa”. Anche la Cnn invece va ancora più pesante: “Giorgia Meloni sarà il primo ministro italiano di estrema destra dai tempi di Mussolini”. E altri titoli simili anche dalla Bbc e dal maggiore quotidiano spagnolo El Pais e il francese Le Figaro.

L’attenzione dell’Europa e degli Usa è massima sull’Italia e su quello che succede nel nostro paese er l’impatto che ha sui mercati e sulla stabilità nell’Ue, soprattutto in un periodo così difficile come questo. Il timore più grande che c’è all’estero è che il governo di destra di Meloni possa virare verso una posizione antieuropeista e antiatlantista deviando dalla prudenza in economia segnata finora dal premier Draghi.

Molto cauta e diplomatica la presidente della Commissione Ue Ursula von der Leyen che aveva aperto alla cooperazione e collaborazione con ogni governo democratico. In gioco ci sono i fondi del Pnrr cari a tutti gli italiani e quindi Meloni non vorrà mettere in pericolo questo perché in gioco c’è il consenso dell’elettorato. La futura premier dovrà affrontare due sfide: gestire i rapporti con l’Unione europea e con i partner della coalizione che hanno avuto un consenso molto inferiore al suo. Primo terreno di scontro sarà il sostegno all’Ucraina.

La vittoria di Giorgia Meloni è un risultato storico anche per l’Unione europea. L’Italia è uno dei paesi fondatori dell’Unione e un premier di destra estrema, come viene considerata, è una sfida anche per l’Europa che continua a guardare con attenzione.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

Speciale Governo

ultimo aggiornamento: 26-09-2022


I leader europei si congratulano con Meloni, Bruxelles in silenzio

Complottisti alle urne, più di una lista con pessimi risultati