Per le elezioni regionali in Lazio il Pd e il Terzo Polo riescono a convergere su un unico candidato: Alessio D’Amato escludendo il ritorno giallorosso nella capitale.

Se per la Lombardia il nome di Letizia Moratti scelto dal Terzo Polo è stato ritenuto in alcun modo sostenibile da parte del Pd, in Lazio dovrebbe tirare un’aria migliore. Il nome su cui convergono i partiti di centrosinistra è Alessio D’Amato, assessore regionale alla Sanità del Lazio, che ha confermato la sua disponibilità a correre per il centrosinistra alle prossime regionali.

Lo stesso D’Amato chiede il sostegno sia del suo stesso partito che dell’intera coalizione del centrosinistra. A sostenere il candidato del Pd anche Azione di Calenda e Italia Viva di Renzi che hanno già confermato il loro via libera. «D’Amato è il candidato del Pd, con una preferenza espressa anche da Calenda», ha detto il segretario regionale del Pd Bruno Astorre. Ora si lavora per coinvolgere anche Verdi e Sinistra Italiana.

regione lazio
regione lazio

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Il Pd sceglie il Terzo Polo e M5S va da solo

“Io do la disponibilità a candidarmi, poi devono essere le forze politiche della coalizione a decidere modi e tempi: l’unica cosa è di fare presto” ha detto il candidato. “Noi dobbiamo fare una coalizione unitaria, ovviamente ringrazio Calenda e il Terzo polo per la stima rappresentata, ma dobbiamo puntare all’unità e ad allargare a tutte le forze del centrosinistra che sono quelle che la scorsa volta hanno vinto le elezioni”, ha dichiarato D’Amato.

Resta fuori il M5S. La rottura con i grillini è insanabile a livello regionale. La linea di Conte è quella di proseguire da solo, forte del suo aumento nei sondaggi. Una linea però non condivisa dall’assessora pentastellata del Lazio Lombardi. L’assessora è contraria alla corsa solitaria del M5S e del centrosinistra diviso nel Lazio.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 11-11-2022


Strappo Roma-Parigi: Macron deluso da Meloni

Renzi contro Meloni: “La campagna elettorale è finita”