Renault, Luca De Meo nuovo direttore generale. L’ex pupillo di Sergio Marchionne è stato scelto come successore di Thierry Bolloré.

PARIGI (FRANCIA) – Renault, Luca De Meo nuovo direttore generale. La scelta dell’azienda francese per sostituire Thierry Bolloré è ricaduta sull’ex pupillo di Marchionne che in questi anni ha ricoperto ruoli di prestigio sia in Volkswagen che in Seat.

L’annuncio – dopo l’ok da parte del consiglio di amministrazione – è atteso nelle prossime ore. In attesa di mettere nero su bianco con l’azienda francese, il manager ha lasciato il suo incarico di presidente della Seat.

Chi è Luca De Meo

Una lunga carriera nel settore automobilistico per Luca De Meo. Negli ultimi 25 anni ha avuto l’onore di lavorare per 10 marchi appartenenti a quattro gruppi di questo settore. Per lui si tratta di un ritorno in Renault visto che proprio in Francia ha iniziato la sua professione.

Le qualità di De Meo sono state messe in evidenza in particolare alla Seat. Con il marchio spagnolo è riuscito ad ottenere risultati importanti e soprattutto di rilanciare il brand. Una carriera, come detto dallo stesso manager, nel nome di Marchionne: “E’ stato lui a lanciarmi nel mondo dell’alta dirigenza. Assegnarmi la responsabilità del marchio Fiat e della 500 a soli 37 anni è stata una scommessa“.

Renault
Fonte foto: https://www.facebook.com/renaultitalia

Luca De Meo direttore generale Renault

Chiusa l’esperienza alla Seat, per Luca De Meo si aprono le porte della Renault. L’italiano è stato preferito a nomi di peso come Patrick Koller e Clotilde Delbos. Rimangono da definire gli ultimi dettagli prima di formalizzare il nuovo incarico per il manager cresciuto sotto ‘l’ala protettiva’ di Marchionne.

Si tratta di un secondo manager straniero che ‘sbarca’ in Francia per gestire un gruppo simbolo dell’economia transalpina. Il primo, infatti, era stato il canadese Ben Smith diventando il numero uno di Air France.

fonte foto copertina https://www.facebook.com/renaultitalia


Nuovo Codice della Strada, inasprimento delle multe per chi guida con il cellulare

Hamilton alla Ferrari, ecco perché ora il trasferimento è quasi impossibile