Matteo Renzi ha rilasciato un’intervista al Pais facendo sapere di essere pronto a far cadere il governo nel caso in cui Conte non faccia indietro sul Recovery plan.

Il leader di Italia Viva Matteo Renzi ha rilasciato un’intervista al Pais nella quale è tornato a parlare della governance del Recovery fund che rappresenta il grande scoglio che divide il governo e mette a rischio la stabilità dell’esecutivo guidato da Conte.

Giuseppe Conte
Giuseppe Conte

Scontro sulla governance del Recovery plan, Renzi avverte Conte: “Sono pronto a far cadere il governo”

Matteo Renzi manda un messaggio chiaro al Presidente del Consiglio, con una sorta di velato confronto con il leader della Lega Matteo Salvini: “Se Conte vuole pieni poteri come Salvini, io dico no“. E il senatore e leader di Italia Viva rincara la dose facendo sapere di essere anche disposto e pronto a far cadere il governo nel caso in cui Conte non faccia un passo indietro sulla task force incaricata di gestire i fondi del Recovery plan italiano.

“Pronto a far cadere il governo? Sì, perché questo non è un problema di posti, che pure mi hanno offerto […]. Il meccanismo del dibattito sulle regole istituzionali non può essere compensato con un piccolo accordo”.

“Conte sta viaggiando contromano su un’autostrada”: il monito al Presidente del Consiglio

Non usa mezzi termini Matteo Renzi, che da giorni sta agitando la maggioranza di governo: “Conte sta viaggiando in contromano su un’autostrada, ma se recupera la lucidità e frena su questa misura assurda, siamo pronti a ragionare sulla questione“.

Nella fase conclusiva della sua intervista Renzi ha parlato anche del sostegno incassato in privato da esponenti della maggioranza e dell’opposizione.

“Molti di quelli che in pubblico prendono le distanze da me, in privato riconoscono che le nostre critiche sono giuste e autentiche. Per questo spero che Conte si fermi”.

Vaccino Covid, quando farlo, come prenotarsi e da chi saremo chiamati


Tampone errato, la ministra Lamorgese non era positiva al coronavirus

Dpcm Natale, Conte: “Possibili deroghe su spostamenti. Continuerò finché ci sarà una maggioranza a sostenermi”