Il Ministero della Salute invita i medici a scrivere ricette cartacee in stampatello. Stop alle abbreviazioni, acronimi, sigle e simboli. Ecco tutte le novità.

ROMA – Il Governo continua le sue rivoluzioni in campo della medicina. Il Ministero della Salute con un documento ha invitato i medici a scrivere le ricette in stampatello per permettere una più facile comprensione. Niente quindi abbreviazioni, acronimi, sigle e simboli che rendono molto più complicata l’individuazione dei farmaci e potrebbe indurre in errore e causare problemi al paziente.

Secondo uno studio statunitense – preso in esame dalla ministra Giulia Grillo – tra il 2004 e il 2006 oltre il 4% degli errori nelle terapie era dovuto proprio alla ricetta. Proprio per questo si è deciso di suggerire ai medici di usare una scrittura in stampatello per tutte le prescrizione cartacee per evitare qualsiasi tipo di problema.

Giulia Grillo
Giulia Grillo (fonte foto https://www.facebook.com/GiuliaGrilloM5S/)

Ricette cartacee in stampatello: ecco le nuove linee guida del Ministero della Salute

Con un documento inviato a tutti i medici di base e non, il Ministero della Salute ha invitato a scrivere le ricette cartacee in stampatello ed evitare simboli, acronimi, sigle e abbreviazioni. Si tratta di una decisione presa dopo un periodo di analisi di vari studi che hanno evidenziato la difficoltà di molte persone a comprendere il nome dei farmaci.

Nella missiva, inoltre, il Ministero precisa come il nome del farmaco o della terapia deve essere separato dal suo dosaggio, preferibilmente scritto in numeri arabi e non romani. Si tratta al momento solo di un invito con la ministra Giulia Grillo che osserverà con molta attenzione la situazione. Nel caso in cui il documento non venisse rispettato, non è escluso che nei prossimi mesi venga introdotto un decreto legge che costringa i medici a scrivere in stampatello per cercare di salvaguardare la salute dei propri pazienti.

fonte foto copertina https://www.facebook.com/GiuliaGrilloM5S/


Ha la foto di Salvini sul pc, la professoressa gli mette la nota

Salvini dichiara guerra alla mafia: sarà cancellata dalla faccia del Paese