Infermiera killer a Piombino, l'accusa chiede l'ergastolo

Piombino, infermiera killer condanna all’ergastolo

Il Tribunale di Livorno ha condannato l’ergastolo per Fausta Bonino, l’infermiera killer di Piombino che avrebbe ucciso almeno 10 pazienti.

LIVORNO – L’infermiera killer di Piombino condannata all’ergastolo. I giudici hanno accolto la richiesta della Procura di Livorno per Fausta Bonino, la donna accusata di omicidio volontario plurimo. Secondo l’accusa la 57enne avrebbe ucciso almeno dieci pazienti nel reparto di rianimazione dell’ospedale toscano tra il 2014 e il 2015.

La prima parte dell’udienza si è conclusa con il rito abbreviato e per questo la sentenza è arrivata pochi giorni dopo la chiusura del dibattito in aula. Il processo è ancora lungo con la donna che si prepara a fare ricorso in tutti i grandi anche perché in più di un’occasione si è dichiara innocente.

Tribunale di Milano
fonte foto https://www.facebook.com/francesco.nicastro

Infermiera killer di Piombino: “E’ un incubo, non ho fatto nulla. E’ stata dura ascoltare la richiesta”

La presunta infermiera killer si è sempre dichiara innocente e lo ha fatto anche all’uscita dall’Aula, come riporta Sky TG24: “Io l’unica cosa che posso dire è che non ho fatto nulla. Cose che non ho mai fatto, è stata dura ascoltarlo. Io mi sono sempre comportata bene, è impossibile che sia finita in questo incubo“.

Nessuna sorpresa da parte della difesa: “E’ successo quello che ci aspettavamo ma noi abbiamo i margini per poter rispondere“. Le altre udienze erano fissate per il 22 marzo e il 5 aprile mentre la prima sentenza di un lungo percorso giudiziario che dovrebbe finire in Cassazione è stata emessa qualche giorno dopo. Il legale della donna esprime tranquillità ma l’infermiera ha paura di poter essere condannata per un qualcosa – almeno secondo le sue parole – che non ha mai fatto. Il processo proseguirà nelle prossime settimane con i giudici che saranno chiamati la vicenda. Gli avvocati si preparano a impugnare la sentenza negativa per preparare il ricorso in Corte d’Appello prima e in Cassazione poi.

fonte foto copertina https://www.facebook.com/francesco.nicastro

ultimo aggiornamento: 19-04-2019

X