Marcell Jacobs rientra in gara nel 2022. Il campione olimpico su Instagram ha annunciato un periodo di stop.

ROMA – Marcell Jacobs rientra in gara nel 2022. Il campione olimpico su Instagram ha annunciato un periodo di stop per recuperare al meglio da un piccolo problema al ginocchio. Il suo ritorno dopo le Olimpiadi era previsto il 21 agosto in Oregon per una tappa della Diamond League, ma lo staff dell’atleta ha consigliato di rinunciare a questo appuntamento per smaltire le fatiche del Giappone e iniziare a programmare la prossima stagione.

Un periodo, quindi, di riposo per lui e per stare con la sua famiglia. Molto probabilmente nel 2022 gli impegni saranno diversi e Marcell è pronto a confermarsi il più forte del mondo.

Staffettista inglese indagato per doping

Olimpiadi che potrebbero regalare una sorpresa anche a edizione conclusa. Il primo staffettista della 4×100 inglese è indagato per doping. Nel suo sangue, come riportato dalla Gazzetta dello Sport, sono state trovate tracce di ostarina, un anabolizzante che ha effetti al testosterone.

Il controllo è stato effettuato subito dopo la 4×100 e nei prossimi giorni molto probabilmente l’atleta chiederà le controanalisi per dimostrare la sua innocenza. In attesa dei risultati, per l’atleta è scattata la sospensione.

Green Pass, tutte le regole dal 1 settembre

Tokyo
Tokyo

Argento a rischio

L’argento conquistato dalla Gran Bretagna, un centesimo dietro l’Italia, ora è davvero a rischio. Il regolamento, infatti, prevede la squalifica dell’intera staffetta con un solo positivo al doping. Nessun cambiamento per i nostri atleti che restano campioni olimpici. La vicenda però interessa da vicino sia il Canada e la Cina, pronti a ricevere l’argento e il bronzo in caso di conferma del primo risultato.

Un podio che resta sub judice e nei prossimi giorni è atteso il risultato delle controanalisi, ultima possibilità per conservare il secondo posto conquistato in pista alle spalle del nostro quartetto per un solo centesimo.


Fabio Aru annuncia il ritiro

Vuelta, Primoz Roglic la prima Maglia Rossa