Come riscuotere un pagamento tramite contrassegno

Come riscuotere un pagamento tramite contrassegno

Dovete vendere qualcosa e preferite ricevere il pagamento per mezzo del contrassegno? Ora vi spieghiamo come fate per riscuoterlo una volta che il pacco sia stato consegnato e pagato

Se avete deciso di vendere degli oggetti in uno dei tantissimi siti di vendita online e avete scelto di ricevere il pagamento, per l’oggetto venduto, tramite contrassegno, chi riceverà il pacco pagherà direttamente il corriere e a voi, dopo alcuni giorni, verranno accreditati quei soldi. Qualsiasi sia il corriere a cui avete commissionato la consegna, che sia quindi Poste Italiane o una compagnia privata, potete stare sicuri che sia la consegna che il pagamento verranno effettuati in tempi, ormai, molto celeri.

Contrassegno poste italiane: come funziona

Poste Italiane ha un tetto massimo nel denaro che è possibile pagare in contrassegno, fissato a 1032.91 euro, per quanto riguarda il prodotto Pacco ordinario. Nel caso dei prodotti della famiglia Paccocelere l’importo massimo del contrassegno è fissato a 999,00 euro.

Pagare in contrassegno per chi riceve il pacco è facilissimo: è sufficiente attendere il corriere o il portalettere con i contanti necessari, oppure recarsi allo sportello postale di riferimento per ritirare il pacco e pagare.

Pagamento in contrassegno, come funziona per il Pacco Ordinario

I modi, per chi invia, per vedersi corrisposto l’importo incassato precedentemente da Poste Italiane sono due: o tramite versamento su conto corrente postale, con un’aggiunta di 2.27 euro, o tramite assegno postale, che ha un costo di 1.81 euro detratta al momento dell’emissione dell’assegno stesso.

Ad entrambe le somme, tra l’altro, va aggiunta la cifra di 0.77 euro che andrà pagato, invece, al momento della spedizione da parte del mittente.

Aggiornamento 2018: pagamento con contrassegno, qualche precisazione su Paccocelere

Pagamento contrassegno, come funziona per i Paccocelere

La spedizione in contrassegno è possibile anche per il Paccocelere, ma in questo caso i costi sono più alti: 5.00 euro Iva Inclusa. Con questa tariffa è possibile scegliere fra 3 modalità di pagamento:

  • pagamento su conto corrente postale
  • assegno postale vidimato
  • assegno postale o bancario non trasferibile

Questi servizi possono avere costi aggiuntivi, spiegati nel dettaglio alla pagina ufficiale di ciascun servizio.

assegno circolare postale
Fonte foto copertina: pixabay.com/it/photos/libretto-di-assegni-buono-riempire-688352/

Riscuotere il pagamento di un contrassegno: per la verità, non dobbiamo fare niente

Se abbiamo effettuato una spedizione con contrassegno e aspettiamo il pagamento, dobbiamo solo aspettare. A seconda della modalità di pagamento scelta infatti, il denaro arriverà direttamente sul nostro conto, oppure riceveremo direttamente l’assegno all’indirizzo indicato. I costi di consegna, riscossione e invio del denaro infatti sono inclusi nel costo del contrassegno.

Teniamo presente tuttavia che i tempi potrebbero essere piuttosto lunghi, specialmente se abbiamo optato per l’assegno. Infatti dobbiamo aspettare che il pacco con contrassegno venga consegnato (e pagato, altrimenti ci verrà restituito dalle Poste), che il denaro incassato dal postino venga depositato, e poi che venga emesso il pagamento. Nel caso dell’assegno, dobbiamo anche attendere che questo ci venga spedito.

LE COMPAGNIE PRIVATE COME FUNZIONANO?

Se invece vi siete rivolti a una compagnia privata di consegne, le modalità di pagamento saranno ridotte a una sola scelta: il bonifico su conto corrente bancario o postale. Mentre per i costi di spedizione, per i costi fissi del servizio di contrassegno postale e per il tetto massimo riscuotibile, a differenza di quanto accade con Poste Italiane, questi sono variabili da compagnia a compagnia.

Fonte toto copertina: pixabay.com/it/cashbox-denaro-valuta-cassa-1642989/

ultimo aggiornamento: 11-07-2019

X