Una rissa tra indiani in provincia di Latina ha provocato la morte di una persona. Dieci, invece, i feriti.

BORGO MONTELLO (LATINA) – Nella notte tra il 30 e il 31 ottobre una rissa si è scatenata tra indiani in provincia di Latina e il bilancio è di un morto e dieci feriti. La vicenda è avvenuta a Borgo Montello e ad affrontarsi sono state due comunità.

I motivi di questa lite non sono ancora chiare ma, da quanto scritto dal Corriere della Sera, la discussione sarebbe nata al termine di una festa in un casolare di campagna, ma non si hanno altre informazioni e per questo motivo si preferisce non escludere nessuna ipotesi almeno fino a quando non si hanno delle prove certe.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

La ricostruzione della lite

La ricostruzione della lite è ancora al vaglio degli inquirenti. Dalle prime informazioni, la lite è nata al termine di una festa e si sta indagando per provare a ricostruire meglio il movente dell’aggressione. La rissa ha visto come protagonisti alcuni bastoni di ferro e sarebbe stato proprio quanto a provocare la morte di un ragazzo di 29 anni.

Sul posto sono stati trovati anche tre bossoli esplosi da una pistola. Fortunatamente i colpi non hanno provocato feriti. Sono in corso le indagini e presto ci potrebbero essere importanti novità.

Ambulanza
Ambulanza

Il bilancio

Il bilancio, come detto, è di un morto e dieci feriti. La vittima è un ragazzo di 29 anni, deceduto per le lesioni riportate durante la lite. Le altre persone che hanno avuto bisogno di un intervento medico non sono in gravi condizioni e sono già stati interrogati dagli inquirenti per provare a ricostruire la dinamica di quanto successo.

Una vicenda che ha sconvolto l’intera città di Latina e si sta cercando di capire cosa ha portato a scatenare questa rissa nella notte tra il 30 e il 31 ottobre.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 31-10-2021


Ragazzi e genitori aggrediti con mazze e caschi al termine di una partita juniores

I numeri dell’emergenza coronavirus, il punto della settimana