Rissa tra giovani ad Albano Laziale, vicino a Roma. Due persone sono rimaste ferite. Un 23enne romeno è in prognosi riservata.

ALBANO LAZIALE (ROMA) – Rissa tra giovani ad Albano Laziale, in provincia di Roma. Come raccontato da RomaToday, la lite è andata in scena in un parco della cittadina nella serata di sabato 17 gennaio.

Due persone sono rimaste ferite. Si tratta di un ragazzo di 23 anni di origine rumena (in prognosi riservata ma non in pericolo di vita n.d.r.) e un italiano di un anno più piccolo che è stato curato e rimandato a casa. Sono in corso tutti gli accertamenti del caso. Gli inquirenti non escludono nessuna ipotesi e attendono i risultati degli approfondimenti.

Rissa ad Albano Laziale

La rissa è avvenuta a villa Doria. Diversi ragazzi sono entrati in contatto in uno dei parchi di Albano Laziale nella serata di sabato 16 gennaio. Il bilancio, al momento, è di due feriti. Non ci sono fermati, ma gli inquirenti stanno visionando i filmati delle telecamere di videosorveglianza per risalire alle persone che hanno preso parte al paripiglia.

In condizioni gravi un ragazzo di 23 anni. I medici non hanno ancora sciolto la prognosi, ma il giovane non sarebbe in pericolo di vita. Un secondo ragazzo è stato portato in ospedale per le cure. Il ferito, rimandato a casa poco dopo, sarà nuovamente ascoltato dagli investigatori.

Polizia
Polizia

Accertamenti in corso

Sono in corso gli accertamenti per ricostruire meglio quanto successo. Nessuna ipotesi è esclusa dagli inquirenti. Si pensa ad una spedizione punitiva oppure ad un regolamento di conti, ma al vaglio degli investigatori anche una rissa organizzata sui social come già successo in passato.

Diversi i punti da chiarire e nei prossimi giorni saranno effettuati tutti i controlli per risalire all’identità delle persone che hanno preso parte all’ennesima rissa registrata in Italia.

Covid, l’aggiornamento del Piano Vaccini

TAG:
albano laziale

ultimo aggiornamento: 17-01-2021


Terremoto in Indonesia, più di 50 morti e centinaia di feriti

Vaccino Covid, Pfizer manda 165.000 dosi in meno in Italia. Solo sei Regioni non saranno penalizzate