Giuseppe Conte all’università e Rocco Casalino in Parlamento. Il portavoce dell’ex premier pronto a rimanere in politica.

ROMA – Giuseppe Conte verso il ritorno all’università. Dopo le anticipazioni date dallo stesso ex presidente del Consiglio a Il Fatto Quotidiano, il rettore dell’Università di Firenze ha confermato le intenzioni dell’avvocato. “Mi ha detto che ha nostalgia degli studenti – ha sottolineato Luigi Dei, riportato da La Repubblical’ho sentito e ci vedremo la prossima settimana. Il primo marzo tornerà ad insegnare da noi, diritto privato oppure Civile“.

Sulle tempistiche restano ancora dei dubbi: “Gli accordi devono essere presi con la preside della scuola di Giurisprudenza e con il direttore del dipartimento di scienze giuridiche“.

Il futuro di Rocco Casalino in Parlamento?

Il futuro di Giuseppe Conte potrebbe condizionare anche le decisioni di Rocco Casalino. Il portavoce dell’ex premier ai microfoni di SkyTG24 ha ammesso di aver “ricevuto proposte, ma il mio futuro lo vedo ancora in politica. Dipende anche da cosa farà l’ex presidente del Consiglio. Credo di aver servito lo Stato e imparato tante cose. Il flusso naturale potrebbe essere il Parlamento“.

Per lui quindi possibile un tentativo di entrare alla Camera o in Senato nella prossima tornata elettorale con il M5s.

Rocco Casalino
Rocco Casalino

“Sento spesso Conte”

L’ex gieffino si è soffermato anche sul suo rapporto con l’ex presidente del Consiglio: “Lo sento spesso. Lui in questo momento è in una fase di valutazione. E’ normale, siamo usciti da poco da Palazzo Chigi e ognuno deve fare un suo percorso“.

Sul futuro dell’avvocato del popolo i dubbi restano: “Io so che ruoli che si assumono senza sporcarsi le mani, senza fare campagna elettorale sul campo non danno un riferimento alla platea dell’astensione che ha bisogno di immagini. Sette-otto punti non li recuperi come federatore. Secondo me se Conte deve scendere in campo lo dovrebbe fare come leader di partito e non di una coalizione”.


Crimi, “I senatori che hanno votato no alla fiducia saranno espulsi”

Il Governo Draghi incassa la fiducia alla Camera, il Movimento 5 Stelle si divide