Il nuovo attacco di Saviano a Salvini. Il vicepremier: “Non sa più cosa inventarsi”

Roberto Saviano attacca Salvini dalle colonne de la Repubblica: “I tiranni indossano sempre la divisa”. Il vicepremier: “Non sa più cosa inventarsi”.

È ancora polemica tra Roberto Saviano e Matteo Salvini. Il noto scrittore ha puntato il dito questa volta contro l’abitudine del ministro di comparire in pubblico indossando la divisa delle forze dell’ordine. “Quell’uniforme non è di Salvini ma dello Stato. E manda un messaggio pericoloso per la democrazia“, ha sottolineato Saviano. “Non sa più cosa inventarsi! Bacioni“, ha risposto il vicepremier leghista.

Matteo Salvini
Fonte foto: https://www.facebook.com/pg/salviniofficial

Roberto Saviano attacca Salvini: “I tiranni indossano sempre la divisa”

Roberto Saviano ha lanciato l’attacco dalle colonne de la Repubblica, affermando che le apparizioni di Salvini in divisa rappresenterebbero un messaggio pericoloso per la democrazia.

Roberto Saviano
fonte foto https://www.facebook.com/RobertoSavianoFanpage/

Nelle dittature, i tiranni indossano sempre la divisa, che non è banale teatralizzazione del potere, ma serve a mandare un messaggio preciso: l’esercito risponde a me, a me soltanto e a nessun altro. Fidel Castro ha indossato la divisa nelle apparizioni pubbliche per decenni, la logica era la solita utilizzata nei paesi del socialismo reale: l’esercito è il popolo, io sono il capo dell’esercito, io sono il conduttore del popolo“, ha attaccato Roberto Saviano. Lo scrittore ha poi ribadito come, a suo avviso, il ministro dell’Interno starebbe mettendo a repentaglio la democrazia.

La risposta social di Matteo Salvini: “Non sa più cosa inventarsi”

Immancabile la risposta social di Matteo Salvini, che ha congedato Saviano con il suo classico “bacioni“. “Io sarei come Fidel Castro, Gheddafi e Mussolini, anzi peggio…?? Povero Saviano, non sa più cosa inventarsi! Bacioni“, ha twittato il ministro

ultimo aggiornamento: 13-01-2019

Iscriviti alla Newsletter:

Acconsento all’invio di newsletter di Delta Pictures
X