Chiude la Pasticceria Cavalletti, locale storico di Roma. Il locale aveva chiuso i battenti durante la fase dura dell’emergenza coronavirus.

Se sei di Roma e dici Millefoglie la testa vola alla storica Pasticceria Cavalletti. In realtà parliamo di una pasticceria diventata famosa nel mondo e sembra che addirittura la Regina Elisabetta fosse una cliente abituale. O almeno così narra la leggenda.

Regina Elisabetta e Filippo
Regina Elisabetta e Filippo

Il successo della Pasticceria Cavalletti

La Pasticceria Cavalletti è rinomata per il suo Millefoglie secondo gli estimatori unico al mondo. Si tratta di un locale iconico della Capitale – ma non solo -, aperto nel 1951 era diventato quasi una meta turistica in via Nemorense. Nel corso degli anni è diventato un punto di riferimento nazionale, considerato come una delle migliori pasticcerie d’Italia.

La chiusura e la raccolta firme sui social

Dopo anni sulla cresta dell’onda, la Pasticceria Cavalletti ha annunciato la chiusura. I gestori avevano chiuso i battenti durante la fase dura dell’emergenza coronavirus. Lo scopo sarebbe stato quello di riaprire a settembre, quando invece è arrivata la notizia della chiusura dell’esercizio.

La notizia della chiusura, circolata nella Capitale, ha colpito i romani e soprattutto i clienti abituali. Sui social è stata lanciata una raccolta firme per chiedere la riapertura sotto una nuova gestione perché Cavalletti non può chiudere.

La Regina Elisabetta cliente d’eccezione della Pasticceria: verità o leggenda?

Si dice che ogni anno addirittura la Regina Elisabetta si facesse spedire una torta direttamente a Buckingham Palace. Non sappiamo se sia fantasia o verità, sicuramente ci piace pensare che sia così e in fondo non sarebbe poi tanto strano.

Perchè vaccinarsi contro l'influenza? Pro o contro

TAG:
cronaca economia pasticceria cavalletti regina elisabetta roma

ultimo aggiornamento: 08-09-2020


Terremoto ad Amatrice, 5 condanne per il crollo delle palazzine

Bankitalia sul Recovery Fund: “Possibile una crescita del Pil del 3 per cento entro il 2025”