La manifestazione per la pace di Giuseppe Conte in corso a Roma, in Piazza della Repubblica, iniziata alle 12 di oggi.

Arriva oggi in Piazza della Repubblica, a Roma, la manifestazione per la pace organizzata da Giuseppe Conte, leader di M5s, insieme ad altri politici, cittadini e associazioni in sostegno. La protesta chiede uno stop dell’invio alle armi in Ucraina, quando l’unca necessità sarebbe un incontro di pace per cessare realmente il fuoco. La pace non si combatte con le armi, e oggi diverse voci lotteranno per questo.

Giuseppe Conte
Giuseppe Conte

Il presidente di M5s, Giuseppe Conte, oggi 5 novembre ha iniziato la manifestazione per la pace in piazza a Roma, chiedendo di non inviare più armi all’Ucraina. La tregua del conflitto non si raggiungerà mai se si continuano a dare armi nelle mani dei Paesi strettamente interessati. Saranno oltre 50 mila le persone che giungeranno in loco con pullman e treni.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Stop armi all’Ucraina

Appena arrivato in piazza, il leader di Movimento 5 Stelle inizia ad accusare il neo ministro della Difesa Guido Crosetto, il quale intende ancora armare Kiev. “Il ministro Crosetto ha annunciato che sta preparando il sesto invio. Bene, noi gli diciamo che visto che è stata votata una risoluzione che impone al governo di avere un confronto in Parlamento, non si azzardi questo governo a fare un ulteriore invio di armi senza venire a confrontarsi in Parlamento”, ha dichiarato.

L’ex premier insieme ai cittadini protesta in piazza a gran voce, perché l’Ucraina possiede così tante armi da portare “a un’escalation militare, mentre è arrivato il momento di promuovere un negoziato di pace all’insegna di una ‘svolta della Ue che veda i paesi belligeranti protagonisti ma in una cornice internazionale”.

Cosa prevede la manifestazione

La manifestazione è stata organizzata dalla piattaforma “Europe for Peace”. Nel pomeriggio, gli organizzatori interverrano sotto la Basilica San Giovanni, con il supporto di Cgil, Cisl e Uil ad Emergency, la Comunità di Sant’ Egidio, Libera.

L’incontro in Piazza della Repubblica a Roma è iniziato alle 12, con un corte partito alle 14 fino a Piazza San Giovanni in Laterano. A intervenire sul palco di San Giovanni ci saranno: il cardinale Matteo Maria Zuppi, Francesca Giuliani (Sbilanciamoci), Raffaella Bolini (Arci), Rossella Miccio (Emergency – Associazione ONG Italiane).

Poi anche Gianfranco Pagliarulo (Anpi), Emiliano Manfredonia (Acli), Sergio Bassoli (Rete italiana Pace Disarmo), Flavio Lotti (Tavola della Pace – Comitato Promotore Marcia Perugia Assisi) e Giuseppe De Marzo (Rete dei Numeri Pari). E infine Gianpiero Cofano (Stop the War Now), Francesco Scoppola (Agesci), don Luigi Ciotti (Libera), Andrea Riccardi (Comunità di Sant’Egidio) e Maurizio Landini (Cgil).

Riproduzione riservata © 2022 - NM

Guerra in Ucraina

ultimo aggiornamento: 05-11-2022


Concita De Gregorio: “Meloni è un esempio da seguire per la sinistra”

Sicurezza, Beppe Sala: “500 vigili per Milano”