Milan, ecco la rosa rossonera a una settimana dalla conclusione del mercato

Il 2 settembre chiude il mercato. A oggi, il Milan ha in rosa: 3 portieri, 10 difensori, 9 centrocampisti e 4 attaccanti.

Il Milan inizierà ufficialmente la stagione domani alle 18 a Udine per la prima di Serie A. Per il match contro i bianconeri friulani, mister Giampaolo appare intenzionato a schierare un undici senza – per vari motivi – volti nuovi rispetto alla passata stagione. Hernandez sta recuperando da un infortunio, mentre Leao, Krunic, Bennacer e Duarte partiranno dalla panchina.

La chiusura del mercato

Il tempo per le trattative di calciomercato scadrà il 2 settembre. In pratica, si giocheranno due turni di campionato prima che chiuda la sessione dei trasferimenti. A tal proposito, il club rossonero sta cercando di piazzare un paio di uscite in modo da puntare a un ultimo acquisto (Correa l’obbiettivo dichiarato).

Marco Giampaolo
Marco Giampaolo

La rosa attuale

A oggi, il Milan ha in rosa tre portieri, 10 difensori, 9 centrocampisti e quattro attaccanti. Ecco nel dettaglio, reparto per reparto:

PORTIERI: G. Donnarumma, Reina, A. Donnarumma

DIFENSORI: Romagnoli, Musacchio, Caldara, Duarte, Gabbia, Calabria, Conti, Hernandez, Rodriguez, Laxalt

CENTROCAMPISTI: Krunic, Kessié, Biglia, Bennacer, Calhanoglu, Paquetà, Borini, Bonaventura, Suso

ATTACCANTI: Piatek, Leao, André Silva, Castillejo

https://www.youtube.com/watch?v=OPzd1juttqk

Abbondanza e coperta corta

A ben guardare, si nota come la rosa del Milan sia ben fornita (almeno dal punto di vista numerico) in difesa: cinque centrali e cinque terzini, con due sole competizioni da giocare. Poi, certo, in dettaglio si nota come il pacchetto di centrali contempli il lungodegente Caldara e il giovane Gabbia. In via Aldo Rossi stanno cercando di cedere Laxalt, dopo aver risolto il contratto con Strinic.
Anche a centrocampo la situazione è più che soddisfacente: il cambio modulo apportato da Giampaolo ha “arretrato” nei centrocampisti elementi come Suso, Calhanoglu e Borini, i quali lo scorso anno spesso sono stati schierati in un tridente offensivo.
L’attacco è il grande rebus dell’estate del Milan: in attesa che Piatek si sblocchi e che Leao faccia vedere tutto il suo potenziale, Giampaolo ha adattato Castillejo e prova a rigenerare Andrè Silva.

ultimo aggiornamento: 24-08-2019

X