L’ex Governatore della Sicilia, Rosario Crocetta, è stato rinviato a giudizio nell’ambito dell’inchiesta Montante. La Procura di Caltanissetta gli contesta l’associazione a delinquere finalizzata alla corruzione.

CALTANISSETTA – Rosario Crocetta rinviato a giudizio dopo la chiusura delle indagini da parte della Procura di Caltanissetta. I magistrati contestano all’ex presidente della Regione siciliana il reato di associazione a delinquere finalizzata alla corruzione e al finanziamento illecito, nell’ambito dell’inchiesta sull’ex presidente di Sicindustria Antonello Montante. Oltre a Crocetta sono stati iscritti nel registro degli indagati anche l’attuale presidente di Sicindustria Giuseppe Catanzaro, l’ex presidente dell’Irsap Mariagrazia Brandara e due ex assessori.

Green Pass e Super Green Pass, tutte le regole dal 10 gennaio

L’impianto accusatorio

La Procura di Caltanissetta ha messo sotto inchiesta una trentina di persone. Secondo gli inquirenti “l’associazione a delinquere” si sarebbe fondata su un patto di scambio: Rosario Crocetta avrebbe nominato gli assessori Linda Vancheri e Mariella Lo Bello, vicine a Montante, che avrebbero assicurato finanziamenti alle iniziative del presidente di Sicindustria. In cambio, quest’ultimo avrebbe ricambiato il favore finanziando la campagna elettorale del 2012 del Megafono (il movimento politico fondato da Crocetta).

Fava all’attacco

Il presidente della commissione regionale Antimafia, Claudio Fava, ha così dichiarato non appena appresa la notizia dell’indagine su Rosario Crocetta: “La commissione Antimafia non potrà non aprire una riflessione sull’inchiesta che che al di là delle evidenze giudiziarie ci consegna una evidenza politica grave: momenti di decisioni importanti per la Sicilia sono stati sottratti alle sedi istituzionali e affidate a sedi private, parallele e clandestine“.

Rosario Crocetta a giudizio: il processo inizierà nelle prossime settimane

La chiusura delle indagini ha portato il magistrato a chiedere il rinvio a giudizio per Rosario Crocetta. Il processo inizierà nelle prossime settimane con l’ex governatore della Sicilia che dovrà difendersi dalle accuse di corruzione. Ma la battaglia giudiziaria rischia di durare fino al terzo grado di giudizio visti i possibili ricorsi.

fonte foto copertina https://twitter.com/marziadegiuli

Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per seguire News Mondo su Twitter
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 19-11-2019


Stadio della Roma, De Vito torna libero: accolta l’istanza della difesa

Abbandonata in un borsone, morta una neonata. Aveva ancora il cordone ombelicale attaccato