La mitica Route 66 è una delle strade più famose al mondo, divenuta famosa anche grazie a diversi film ambientati lì. Ecco cosa c’è da sapere.

Come non conoscere la mitica Route 66, una strada veramente leggendaria, se non la più famosa al mondo. Fu una delle highway, ovvero le strade federali statunitensi, ad essere stata inaugurata sul suo americano, ormai nel lontano 1926. Divenne il simbolo degli Stati Uniti on the road, anche per via dei molti film (Easy Rider su tutti, datato 1969) che l’hanno vista protagonista. Ma ecco qual è la sua storia e la sua lunghezza.

Route 66: lunghezza e la storia

La Route 66 fu una delle prime highway, come già detto, inaugurata nel 1926. Come mai è diventata così famosa in tutto il mondo? In primis perché attraversa tutti Gli Stati Uniti a partire dall’Illinois fino alla California, toccando stati quali Missouri, Oklahoma, Texas, Nuovo Messico e Arizona, e poi perché chi la percorre può ammirare i grandi spazi americani e anche luoghi iconici come il Grand Canyon.

Green Pass obbligatorio, le regole dal 15 ottobre

Route 66
Route 66

La sua lunghezza è complessivamente di 3755 chilometri, 2333 miglia. Divenne poi il simbolo della cultura americana dei grandi spazi, desertici anche, e dei road movie quali Easy Rider, con gli attori che hanno viaggiato con i loro chopper per un tratto anche nella realtà.

Nel corso degli anni chiaramente ci sono stati dei cambiamenti sul percorso, ma la sua attrattiva turistica per conoscere i vari stati americani, quelli più caratteristici, rimane ancora oggi ampissima. Anche alcuni scrittori ne hanno scritto, in particolare John Steinbeck nel 1940 pubblicò uno dei suoi capolavori Grapes of Wrath, in italiano tradotto Furore, dove raccontava del pellegrinaggio dei contadini dell’Oklahoma fino alla California che hanno percorso la famosa strada numero 66.

Anche nel film di animazione della Pixar Cars ci sono ampi omaggi alla Route 66, che viene percorsa dalle auto protagoniste.

ultimo aggiornamento: 24-08-2021


Le auto più costose dei calciatori

Il controllore ritorna sui bus, ecco il suo nuovo ruolo