Rischio di una battaglia su Kherson: le truppe russe hanno spostato i civili attraverso il Dnipro prima della battaglia.

La controffensiva ucraina continua anche sulla zona meridionale, vicino al lato destro del fiume Dnipro. I russi hanno terminato l’operazione in cui sono stati deportati oltre il fiume i civili di Kherson, prima che si attui ufficialmente la battaglia prevista contro le truppe ucraine. Tuttavia, non tutti i cittadini si sono spostati, ma circa 170.000 persone sono rimaste all’interno della capitale.

profughi guerra ucraina
profughi guerra ucraina

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Deportazione dei civili

La Russia dichiara di aver completato un’operazione per spostare i civili fuori da Kherson (una delle regioni annesse alla Russia) prima che avvenga una battaglia con le forze ucraine. Almeno 70.000 civili hanno attraversato il fiume Dnipro, in quelle che l’Ucraina ha chiamato “deportazioni forzate”.

“Stiamo preparando Kherson per la difesa. Stiamo portando fuori la popolazione civile, slegandoci in molti modi le mani”, ha detto il comandante russo Alexander Khodakovsky. Tuttavia, la deportazione di civili da parte di una potenza occupante all’interno o all’esterno del territorio occupato, viene considerato un crimine di guerra. Comunque sia, 150-170.000 persone pare che siano ancora dentro e intorno alla città.

Kherson sotto prossimo attacco

La città di Kherson è stata conquistata poco dopo l’invasione russa lo scorso febbraio, ma nelle ultime settimane le forze ucraine hanno riconquistato il territorio sulla destra del Dnipro. La prima linea è a 30 km (18 miglia) dalla città, secondo i funzionari ucraini. I funzionari russi prevedono un assalto alla capitale nel prossimo futuro.

Il ministro della Difesa ucraino Oleksii Reznikov, però, descritto la controffensiva come davvero difficile a causa del terreno accidentato e del tempo piovoso che rendono più difficile l’uso di veicoli da combattimento con ruote.

Aksyonov intanto ha postato le foto della banca del Dnipro giovedì sera, durante una visita con Sergei Kiriyenko. “I lavori per organizzare la partenza dei residenti sono stati completati”, ha annunciato, spiegando che le autorità occupanti sono state spostate in “regioni sicure della Russia”.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

Guerra in Ucraina

ultimo aggiornamento: 28-10-2022


Cina: speranza per una soluzione diplomatica al conflitto

Il manifesto che raffigura Putin come un cadavere