Svizzera, cantone di Ginevra istituisce il salario minimo più alto al mondo. Parliamo di 3.700 euro circa (al cambio).

Svizzera, Ginevra entra nella storia per aver approvato il salario minimo più alto al mondo. Parliamo di 4.000 franchi circa, ossia 3.600/3.700 euro circa, al cambio.

Istituito a Ginevra (Svizzera) il salario minimo più alto al mondo

Si tratta a tutti gli effetti di quella che viene considerata come una vittoria dei sindacati e della sinistra, che da tempo si battevano per il principio secondo cui a Ginevra non è possibile vivere con meno di 4.000 franchi al mese.

Il minimo salariale disposto è di 23 franchi l’ora per 41 ore settimanali. Parliamo di 3.600 euro al mese circa, al cambio nella moneta in uso in Italia.

In poche parole si tratta del minimo salariale più alto al mondo.

Euro risparmi
Euro risparmi

Ginevra… dai due volti

Va detto anche che Ginevra è considerata a tutti gli effetti come una località per ricchi, anzi di super-ricchi. Più di mille abitanti di Ginevra vantano un patrimonio personale di diverse decine di milioni di dollari.

È vero anche che a Ginevra nelle settimane del lockdown abbiamo visto decine di persone in coda in attesa di ricevere aiuti dalle organizzazioni di volontariato

Si tratta di una città sostanzialmente spaccata, divisa in due: da una parte ci sono i super ricchi, dall’altra persone, soprattutto stranieri, che vivono in uno stato di povertà anche assoluta.

La battaglia europea

La Presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen ha fatto sapere che l’istituzione del salario minimo (di un salario minimo adeguato, per la precisione) deve essere una prerogativa dei Paesi europei. Non si esclude che molti Stati possano decidere di muoversi in tal senso avviando progetti finanziati almeno in parte con i soldi del Recovery fund.

Coronavirus, online la nuova autocertificazione

TAG:
economia Ginevra salario minimo svizzera

ultimo aggiornamento: 04-10-2020


Bonus auto potrebbero essere confermati nella prossima manovra economica

La Bce apre alla possibilità di un euro digitale