Continuano le ricerche dei dispersi nella tragedia della Marmolada. Intanto, i morti salgono a quota 9, mentre si contano sette feriti.

Proseguono le ricerche dei dispersi nella tragedia della Marmolada, in Trentino, che ha causato la morte di nove persone. Ad oggi i dispersi sono sette, e le ricerche continuano. Le squadre dei soccorritori, a causa del pericolo di valanghe, sono costretti ad ispezionare il luogo attraverso l’impiego dei droni.

La situazione è molto delicata. Le famiglie affrante chiedono ai ricercatori di proseguire con le ricerche, nella speranza di ritrovare i propri cari. Ma dal canto loro, i ricercatori hanno stabilito che non possono scavare nel ghiaccio perché è diventato troppo pericoloso. La paura è che si verifichino nuovi crolli, per cui le ricerche vengono effettuate dall’alto, attraverso l’impiego di droni.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

I feriti

La conta dei feriti sale a sette. Quattro di loro si trovano ricoverati a Trento, mentre tre si trovano ricoverati negli ospedali veneti. A renderlo noto Fugatti, il presidente della Provincia di Trento. Alla luce dei ritrovamenti di nuovi resti delle due vittime, appartenenti con molta probabilità ad una delle due coppie venete disperse, scende a sette il numero dei dispersi intrappolati sotto il ghiaccio della Marmolada. Tra le vittime, tre di loro ancora non sono state identificate. Si suppone che due siano della repubblica Ceca, mentre un corpo ancora rimane senza nome.

montagna marmolada trentino

Luca Zaia, Presidente del Veneto, ha parlato della tragedia in seguito al ritrovamento dei resti dei corpi di alcuni alpinisti. “Ora dopo ora si va consolidando un triste bilancio. In questi giorni avevo sempre cullato la speranza che qualcuno dei dispersi dopo la tragedia della Marmolada potesse essere ritrovato e curato. Non ci sono parole, se non lacrime”.

E aggiunge: “Tutto il Veneto piange. Siamo vicini ai famigliari delle vittime di una delle più brutte pagine di storia delle nostre montagne. La macchina della Regione era intervenuta fin da subito con tutti i mezzi, gli operatori e i volontari per salvare più vite possibili, dopo questo incidente che si fa fatica ad accettare e a comprendere. Le ricerche comunque continuano per dare una degna sepoltura a tutti”, ha dichiarato.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

giallo

ultimo aggiornamento: 07-07-2022


Ponte Morandi, il processo dopo 4 anni di indagini

Sharm El Sheik, bimbo di 6 anni muore per un’intossicazione