Il leader della Lega ha chiarito che non ha intenzione di far cadere Draghi ma voterà una mozione per il nucleare.

In un’intervista al Corriere della Sera, Matteo Salvini dopo l’incontro con Draghi e tutto il centrodestra sulla delega fiscale ha ribadito che non c’è alcuna volontà di far cadere il governo. Ma ha intenzione di fare pressioni su temi a lui molto cari come il fisco, immigrazione e anche il ritorno al nucleare.

La disposizione del premier Draghi al dialogo ha fatto abbassare i toni a Salvini e al centrodestra. «C’è la disponibilità del governo a cambiare il testo. Se ci fossimo seduti e ci avessero detto di prendere atto che il testo è immodificabile, sarebbe stato molto diverso” sottolinea Salvini. “E invece, insieme a tutto il centrodestra di governo, abbiamo ascoltato parole diverse. Ci lavoreremo a Pasqua e a Pasquetta, ma contiamo di portare l’esecutivo su posizioni condivise di equilibrio». Dopo Pasqua quindi arriverà un testo definitivo sul fisco dopo che governo e centrodestra avranno trovato un accordo in merito.

Fisco e catasto sono due temi su cui Salvini si è battuto spesso. Infatti, nel suo colloquio con Draghi ha fatto emergere le sue preoccupazioni a riguardo relative a eventuali aumenti delle tasse. «Un conto è far emergere il sommerso, un altro l’applicare i valori di mercato agli estimi catastali che farebbero scattare gli aumenti” spiega il leader del Carroccio. Poi prosegue. “Ho anche segnalato un tema che mi sta particolarmente a cuore, la rottamazione delle cartelle esattoriali». Un tema di cui Salvini ha fatto un perno della sua campagna elettorale.

Matteo Salvini
Matteo Salvini

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Salvini riporta il dibattito sul nucleare

Oltre alla questione sulla delega fiscale, Salvini tocca un altro punto molto caldo, quello sull’energia. Con la guerra in Ucraina e la crisi energetica si è riacceso il dibattito sul nucleare. L’Italia è vittima di un paradosso perché tutte le centrali che aveva sono state chiuse e dismesse mentre ha preferito comprare da altri paesi che però producono con il nucleare. Per questo, Salvini porta in vita il tema. “La settimana prossima chiederemo di mettere ai voti la nostra mozione sul ritorno al nucleare. Vedremo cosa ne dicono coloro che non vogliono più il gas russo.” Il leader della Lega sottolinea che l’Italia è l’unico paese del G20 a non avere centrali nucleari. Boris Johnson ha appena annunciato 9 nuovi impianti, Emmanuel Macron ha detto che ci investirà 50 miliardi e altre ne stanno aprendo in tutta Europa. Mi dicono che daranno risultati tra dieci anni? Se non partiamo non arriveranno mai” dichiara Salvini.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 14-04-2022


Minacce di morte a Di Maio, due indagati a Roma

Riforma Csm: approvato lo stop alle porte girevoli