Matteo Salvini sul Quirinale: “Da Berlusconi mi aspetto una verifica dei voti prima della settimana prossima”.

ROMA – Matteo Salvini è ritornato sulla corsa al Quirinale. Il leader della Lega, riportato dall’Ansa, ha sottolineato di aspettarsi una verifica dei voti da parte di Silvio Berlusconi “prima che si inizi a votare la prossima settimana. Poi da parte della Lega ci sarà una proposta che penso potrà convincere tanti se non tutti […]“.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Salvini: “Aspettiamo che il presidente Berlusconi faccia i suoi incontri”

Giorni decisivi per il futuro del il prossimo presidente della Repubblica. “Io faccio il mio lavoro e mi rifiuto di trascorrere una settimana a fare il toto del Quirinale – ha detto Salvini – continuo ad incontrare persone, ascoltare e cercare una soluzione rapida. Aspettiamo che anche il presidente Berlusconi faccia i suoi incontri e conti, non accettiamo veti da parte di nessuno specie dalla sinistra“.

A differenza degli ultimi 30 anni – ha aggiunto il leader della Lega – la sinistra non ha i numeri per scegliere da sola, ma è curioso che ora che non ci sono i numeri chiedono il coinvolgimento di tutti […]“.

Matteo Salvini
Matteo Salvini

Il leader della Lega: “Non ho piani B, C e D”

Il leader del partito di via Bellerio ha sottolineato come “non ho piani B, C e D e non mi piace commentare le ipotesi. Come partito stiamo lavorando per una scelta veloce ma allo stesso tempo di alto livello, a differenza di Letta noi non stiamo mettendo veti nei confronti di nessuno […]“.

E su Draghi ha aggiunto: “Sarebbe utile avere una maggioranza più forte possibile in un anno davvero più complicato. Questo sarebbe molto bello per i nostri cittadini“. Insomma lavori in corso al Carroccio per trovare una soluzione definitiva sia per il Quirinale che per Palazzo Chigi e non sono da escludere delle sorprese nei prossimi giorni.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 17-01-2022


Il Parlamento europeo omaggia David Sassoli

Elezione del Presidente della Repubblica, cosa sono le schede segnate e perché se ne parla