La certezza della Lega: Matteo Salvini vuole rompere con il MoVimento Cinque Stelle. Si attende solo il momento (e il movente) giusto.

In casa Lega sta maturando una convinzione che in fin dei conti non stupisce. Matteo Salvini vuole rompere con il Movimento Cinque Stelle. Sarebbe solo questione di tempo, forse di modi, ma l’epilogo sembra scontato, salvo clamorosi colpi di scena.

La certezza della Lega: Salvini vuole rompere con il MoVimento Cinque Stelle

Il leader della Lega osserva attentamente tutto quello che accade intorno a lui e sa di avere tre colpi in canna per far cadere il governo uscendo a testa alta.

Riforma della Giustizia e Autonomia, i primi due ostacoli per incrinare irrimediabilmente i rapporti

La prima occasione arriva dalle discussioni sulla riforma della Giustizia. Lega e M5S sono distanti e Di Maio ha iniziato un pressing asfissiante sul collega vicepremier girandogli contro l’accusa di dire troppi no. Se si vuole arrivare alla rottura bisognerebbe alzare i toni e creare una pericolosa bagarre. È l’occasione meno ghiotta per chi vuole una crisi.

Matteo Salvini
Fonte foto: https://www.facebook.com/salviniofficial/

Decisamente più interessante è l’occasione offerta dalle discussioni sull’Autonomia. Nel calderone c’è anche il premier Conte, tirato per la cravatta dai governatori ma anche da Matteo Salvini. Una rottura su questo tema non è improbabile ma non è l’occasione migliore per la Lega. Potrebbe esserlo per il Movimento Cinque Stelle se vuole giocarsi la carta del custode dei Sud.

Il caso Tav per far cadere il governo

Per la Lega l’occasione più ghiotta è rappresentata dal caso Tav. Il MoVimento non ha accettato il via libera di Giuseppe Conte e ha chiesto una votazione in Aula. Utile solo per attaccare il Carroccio, già accusato di dover ricorrere al sostegno del Pd per portare avanti i propri progetti. I toni della discussione sono già accesissimi, e se Salvini vuole rompere con il MoVimento Cinque Stelle non c’è forse una situazione migliore.

TAG:
primo piano

ultimo aggiornamento: 01-08-2019


Berlusconi non si arrende e lancia l’Altra Italia

Governo ‘senza Giustizia’ e senza intesa