Il sessantenne si è buttato in acqua per soccorrere la figlia e due ragazze. Messe in salvo le giovani è stato colto da un malore. Inutili i tentativi dei soccorritori.

Tragedia a Marina di Arbus, in Sardegna, dove un uomo di circa sessantacinque anni è morto in seguito ad un arresto cardiaco dopo aver salvato la figlia e due ragazze in mare. Soccorse e messe in salvo le giovani, l’uomo si è accasciato. I bagnanti, che hanno assistito a tutta la scena, hanno immediatamente allertato i soccorsi. Inutili i tentativi di rianimazione e l’intervento dell’elisoccorso.

Sardegna, uomo morto per arresto cardiaco dopo aver salvato la figlia e due ragazze in mare

Stando alle prime ricostruzioni, il sessantenne di è buttato in acqua quando ha visto le giovani in difficoltà in acqua. Messe in salvo le ragazze, l’uomo ha accusato un malore ed è stato colto da un arresto cardiaco. Inutili i tentativi dei soccorritori che hanno provato a rianimarlo.

Si presume che l’uomo possa essere stato colto dal malore per la fatica e l’agitazione, che potrebbero aver stressato il cuore causando l’arresto cardiaco che ha poi portato al decesso del sessantacinquenne.

Come anticipato da SkyTG24 e poi confermato dagli altri media, una delle ragazze in difficoltà in acqua sarebbe stata la figlia adolescente della vittima. La giovane di tredici anni si trovava con altre due ragazze.

Le nuove linee guida per viaggiare in UE e non

Ambulanza
Ambulanza

I soccorsi

Purtroppo per il sessantacinquenne sono stati vani i tentativi dei soccorritori che hanno provato a rianimarlo diverse volte. Sul post è intervenuto anche l’elisoccorso, ma per l’uomo non c’è stato nulla da fare. L’elicottero ha trasportato una delle ragazze, che aveva ingerito acqua, all’ospedale Brotzu di Cagliari.


Variante Delta, tornano le zone Rosse?

Roma, caos al concorso indetto dal Comune: errore nel testo e prova annullata