Scade oggi la proroga patente Covid. Come chiedere il rinnovo? Tutti i dettagli e le visite mediche da effettuare.

Scade oggi la proroga Covid relativa alle patenti scadute. Per chi non ha ancora eseguito il rinnovo, nella giornata di domani, 29 Giugno, potrà procedere alla richiesta suddetta. La proroga era stata sancita dal decreto Cura Italia, già ne Marzo 2020, con validità fino a 90 giorni dopo la fine dello stato di emergenza. A restare ancora validi, sono comunque tutti quei titoli abilitativi alla guida, in scadenza nel periodo compreso tra il 31 Gennaio 2020 e il 31 Marzo 2022. Ma attenzione! La proroga non si applicherà alla patente, in quanto documento di riconoscimento.

I criteri di validità circa le patenti italiane, sono molto diversi per quanto riguarda la circolazione negli altri Paesi membri dell’Ue. Le patenti con scadenza: tra il 1° febbraio 2020 e il 31 maggio 2020, sono state valide fino a 13 mesi dopo la scadenza normale; tra il 1° giugno 2020 e il 31 agosto 2020, fino allo scorso 1° luglio 2021; tra il 1° settembre 2020 e il 30 giugno 2021, fino a 10 mesi dopo la scadenza normale (quindi anche queste già scadute).

Coronavirus Covid
Coronavirus Covid

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Ma come procedere al rinnovo?

Al fine di rinnovare la patente scaduta, bisognerà fare una visita medica, ultimata la quale, sarà lo stesso medico ad inviare la documentazione completa online, all’indirizzo della Motorizzazione civile. La visita potrà essere effettuata presso qualsiasi centro medico riconosciuto, insieme ad alcuni centri di scuola guida, che negli ultimi anni sono stati autorizzati per farlo nella propria sede.
La nuova patente viene spedita, o bisogna andarla a prendere a scuola guida, entro 15 giorni dalla visita medica. Se ci sono patologie particolari, come il diabete, vengono indicati necessari esami più approfonditi o visite specialistiche.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 28-06-2022


Sileri: “Omicron 5? Stop ondata in Italia tra due settimane”

Allarme siccità: il governo Draghi sapeva