Scandalo Rai: "rissa" tra Boschi e Travaglio
Vai al contenuto

Direttore: Alessandro Plateroti

Scandalo Rai: “rissa” tra Boschi e Travaglio

Maria Elena Boschi

I dettagli dei finanziamenti e dei costi di produzione della trasmissione Rai “La Confessione” rispetto ad altri programmi.

Recentemente, un acceso dibattito ha riguardato il finanziamento dei programmi Rai, con particolare attenzione rivolta alla trasmissione “La Confessione” di Peter Gomez. Secondo quanto riportato da Open.Online, Marco Travaglio ha difeso Il Fatto Quotidiano dalle accuse di Maria Elena Boschi, che sosteneva il finanziamento del giornale con “soldi pubblici” tramite i proventi della Rai.

Bonus 2024: tutte le agevolazioni

Come riportato da Repubblica e citato da open.online, Boschi afferma: “Se c’è un legame economico tra l’azienda che gestisce il servizio di informazione pubblica e il Fatto deve emergere.

Marco Travaglio
Marco Travaglio

Dettagli economici di “La Confessione”

La produzione di “La Confessione”, gestita dalla Loft e co-prodotta con la Rai, ha avuto un costo complessivo inferiore alle previsioni, fermatosi a 305 mila euro, circa 43 mila euro a puntata, ben al di sotto del costo medio di altre trasmissioni Rai, che si attesta sui 60-70 mila euro per episodio . Open.online evidenzia come questo confronto metta in luce una gestione finanziaria più efficiente rispetto ad altri programmi più costosi come “Avanti Popolo” e “Far West”.

Le repliche di Marco Travaglio e la posizione del Fatto Quotidiano

Nel suo editoriale, Travaglio ha respinto le accuse di Boschi, evidenziando come i ricavi di Seif, editrice del Fatto, derivino per la maggior parte dai prodotti editoriali e solo per una minima parte dalla produzione mediatica. Open.online riporta che Travaglio ha accusato Boschi di non capire o di non voler comprendere i dettagli finanziari discussi, aggiungendo un tocco di ironia sulle critiche passate alla gestione Rai durante l’era renziana.

Il caso di “La Confessione” solleva questioni importanti riguardo la trasparenza e l’uso dei fondi pubblici nella produzione mediatica. Open.online sottolinea come il dibattito abbia messo in evidenza la necessità di una maggiore chiarezza nel modo in cui i fondi pubblici vengono spesi e come questo influenzi la percezione pubblica e la fiducia nei media statali.

Riproduzione riservata © 2024 - NM

ultimo aggiornamento: 11 Maggio 2024 14:02

Tensioni all’Eurovision: “Boicottate tutto”, paura a poche ore dalla finale

nl pixel