Ex terroristi individuati in Francia, scatta la prescrizione per Luigi Bergamin e Di Marzio.

Scatta l’estinzione della pena per prescrizione per Luigi Bergamin, ex terrorista che si è costituito in Francia dopo la maxi operazione delle autorità italiane e francesi. Lo ha deciso la Corte d’Assise di Milano.

Prescrizione per Bergamin

Il Pm di Milano aveva chiesto di rivalutare la prescrizione per Luigi Bergamin, ma la Corte d’Assise di Milano ha dichiarato estinta la pena per prescrizione. Una decisione che inevitabilmente ha provocato polemiche e ha diviso l’opinione pubblica. Sostanzialmente, evidenzia la Corte, dopo i 30 anni dalla sentenza con la quale viene comminata una pena temporanea, viene meno l’interesse dello Stato all’esecuzione della stessa pena.

La condanna per gli omicidi di Antonio Santoro e Andrea Campagna

Bergamin era stato condannato al carcere per gli omicidi di Antonio Santoro e Andrea Campagna. Il legale di Bergamin aveva sollevato la questione della prescrizione facendo notare come la pena in effetti si è prescritta lo scorso 8 aprile.

Tribunale
Tribunale

Scatta la prescrizione anche per Di Marzio, l’ex terrorista ancora in fuga

Per lo stesso principio e per la stessa legge, scatta la prescrizione anche per Di Marzio, l’unico dei dieci ex terroristi individuati in Francia che è riuscito a darsi alla fuga e ha deciso di non costituirsi.

Le polemiche

Protestano inevitabilmente i familiari delle vittime, che accusano lo Stato di non tutelare chi spende la propria vita al servizio dell’Italia e delle istituzioni. Inoltre c’è chi evidenzia il fatto che la prescrizione per soggetti che avevano tentato di sovvertire lo Stato sembra un controsenso. Le polemiche riguardano la legge, non i giudici, che si sono limitati all’applicazione della stessa.


Giornata Internazionale dell’Infermiere, un grazie agli eroi della lotta contro il Covid

Locatelli, “C’è margine per uno slittamento del coprifuoco. Pfizer? Seconda dose a 42 giorni non inficia l’efficacia”