Sciopero nazionale dei taxi il 21 maggio 2024: gli orari
Vai al contenuto

Direttore: Alessandro Plateroti

Sciopero nazionale dei taxi il 21 maggio 2024: gli orari

Taxi

Martedì 21 maggio 2024, sciopero nazionale dei taxi in tutta Italia: ecco gli orari delle proteste e i dettagli della manifestazione a Roma.

Martedì 21 maggio 2024, è in programma uno sciopero nazionale dei taxi in tutta Italia. La categoria dei tassisti ha indetto una protesta su scala nazionale che coinvolgerà l’intero territorio e potrebbe causare notevoli disagi ai cittadini.

Come fare soldi con le criptovalute e guadagnare?

Due sono le proteste indette dai sindacati, come riportato da Fanpage.it: una dalle 8 alle 22 e l’altra per l’intera giornata di 24 ore.

Gli orari dello sciopero dei taxi

Lo sciopero dei taxi vedrà due distinte fasce orarie di protesta. Il primo sciopero, indetto dalla Uilt-Uil, durerà 14 ore, iniziando alle 8 del mattino e terminando alle 22.

Questo periodo copre gran parte della giornata lavorativa e serale, causando possibili disagi per chi necessita di un taxi durante queste ore.

Il secondo sciopero, che durerà 24 ore, è stato proclamato da un’ampia coalizione di sigle sindacali, tra cui FILT-CGIL, Ugl Taxi e diverse altre organizzazioni minori.

Questo sciopero inizierà alla mezzanotte tra lunedì 20 e martedì 21 maggio e si protrarrà fino alla mezzanotte tra martedì 21 e mercoledì 22 maggio.

Le motivazioni dello sciopero

I tassisti scenderanno in piazza il 21 maggio per chiedere al governo di attuare una serie di decreti fondamentali per il settore.

Tra questi, spiccano il Registro Elettronico Nazionale e il Foglio di servizio. Oltre al DPCM per la regolamentazione delle Piattaforme Elettroniche.

Questi strumenti sono considerati cruciali per il riordino del settore, attualmente afflitto da un alto tasso di abusivismo dovuto alla mancanza di regole chiare e uniformi.

È fondamentale la partecipazione di tutta la categoria a difesa del proprio lavoro“, aggiungono i rappresentanti dei tassisti. Infine, hanno sottolineato l’importanza di proteggere i diritti dei lavoratori contro le pressioni delle grandi piattaforme digitali.

Riproduzione riservata © 2024 - NM

ultimo aggiornamento: 20 Maggio 2024 16:18

Caso Ilaria Salis, il duro attacco dal governo: “Si dicono menzogne”

nl pixel