Scommesse, Fagioli: shock, ecco come la madre ha salvato il figlio
Vai al contenuto

Direttore: Alessandro Plateroti

Scommesse, Fagioli: shock, ecco come la madre ha salvato il figlio

Nicolo’ Fagioli

La lotta di Fagioli contro la ludopatia delle scommesse, sostenuto dalla famiglia e dalla sua squadra la Juventus.

Le vite di Nicolò Fagioli e della sua famiglia sono state sconvolte dalla dipendenza da gioco e delle scommesse del giovane centrocampista. La madre, Laura, ha notato per prima il cambiamento in Nicolò, vedendo un’ombra sempre più buia avvolgere suo figlio. Ha agito con determinazione bloccando il suo conto bancario, un primo passo cruciale verso la consapevolezza del problema.

Come fare soldi con le criptovalute e guadagnare?

Nicolò, dopo aver scommesso su partite di calcio, ha ricevuto una squalifica di 7 mesi dalla Procura federale. Tuttavia, con il sostegno della Juventus, del team e della famiglia, è sulla via della redenzione. La Juventus ha espressamente dichiarato di sostenere Nicolò nel suo percorso terapeutico e formativo, guardando con fiducia al suo ritorno sul campo alla fine della squalifica.

Nicolò Fagioli
Nicolò Fagioli

La solidarietà della Juventus

Nonostante la squalifica, la Juventus ha mantenuto la sua fiducia nel giovane talento, continuando a versare il suo stipendio, che si aggira intorno al milione netto. Questo supporto finanziario si è rivelato vitale per Nicolò, che aveva accumulato debiti enormi a causa della sua dipendenza. Le sponsorizzazioni, insieme al sostegno della Juventus, ora gli offrono una via d’uscita per stabilizzare la sua situazione economica.

La posizione della Juventus ha mostrato un eccezionale spirito di solidarietà, mettendo in evidenza l’importanza del supporto nel momento del bisogno, non solo da parte della famiglia ma anche da parte della comunità calcistica.

Un cammino verso la ripresa

Ora assistito dal Dottor Paolo Jarre, uno degli esperti più rinomati in Italia nel campo delle dipendenze da gioco, Nicolò è impegnato in un percorso terapeutico per superare la ludopatia. Sua madre, Laura, rimane una figura centrale in questo viaggio, essendo stata la prima a intervenire quando Nicolò ne aveva più bisogno.

La storia di Nicolò Fagioli è un monito per tutti, mettendo in luce i pericoli della ludopatia e l’importanza di un supporto solidale nel superare tali sfide. Con una forte rete di sostegno, Nicolò si sta preparando a tornare sul campo, più forte di prima.

Riproduzione riservata © 2024 - NM

ultimo aggiornamento: 20 Ottobre 2023 10:44

La decisione di Giorgia Meloni: arriva la sospensione

nl pixel