La decisione di Giorgia Meloni: arriva la sospensione
Vai al contenuto

Direttore: Alessandro Plateroti

La decisione di Giorgia Meloni: arriva la sospensione

Premier italiano Giorgia Meloni

La risposta dell’Italia con il Premier Giorgia Meloni e di altri 10 paesi europei alla crescente minaccia terroristica.

In risposta a recenti tensioni globali, il Governo italiano con Premier Giorgia Meloni ha annunciato una sospensione temporanea del Trattato di Schengen, una misura adottata anche da altri 10 paesi europei. Questa decisione, guidata dalla Premier Giorgia Meloni, mira a rafforzare la sicurezza nazionale in risposta alle minacce emergenti.

Come fare soldi con le criptovalute e guadagnare?

Premier italiano Giorgia Meloni
Premier italiano Giorgia Meloni

il contesto della decisione

Le preoccupazioni relative alla sicurezza sono state acuite a seguito degli attacchi di Hamas a Israele e di un incidente terroristico a Bruxelles, spingendo vari paesi a rivedere le loro misure di sicurezza. La Meloni, sottolineando la gravità della situazione in Medio Oriente e l’aumento della migrazione illegale, ha delineato l’urgenza di rafforzare i controlli alle frontiere, specialmente con la Slovenia.

La reazione Europea

Non solo l’Italia, ma anche Austria, Germania, Francia, Repubblica Ceca, Polonia, Slovacchia, Svezia, Danimarca, Slovenia e Norvegia hanno temporaneamente sospeso l’adesione al Trattato di Schengen. Queste nazioni hanno ritenuto necessario intensificare i controlli di frontiera per garantire la sicurezza interna, con la Germania e la Francia che estendono i controlli fino al 25 ottobre e 30 aprile rispettivamente.

Nata nel 1985, l’Area Schengen promuove la libera circolazione tra i paesi membri, rendendo più semplice per i cittadini europei viaggiare attraverso le frontiere nazionali. Questa sospensione temporanea implica un ritorno ai controlli documentali ai confini, influenzando la facilità di viaggio tra questi paesi.

Con la sospensione del Trattato di Schengen, i viaggiatori dovranno ora affrontare controlli documentali rinnovati. Per l’Italia, questa misura, attuata dal 21 ottobre per un periodo di 10 giorni, influenzerà principalmente il confine con la Slovenia, con controlli adeguati per garantire la sicurezza senza ostacolare eccessivamente la circolazione transfrontaliera e il traffico merci.

La decisione di sospensione mostra una risposta coordinata tra i paesi europei di fronte a minacce comuni, sottolineando l’importanza della collaborazione internazionale in tempi di crisi.

Il ritorno dei controlli alle frontiere rappresenta un’azione decisa per mitigare le minacce esterne, garantendo al contempo la sicurezza dei cittadini all’interno dell’Unione Europea. Con le tensioni globali in aumento, queste misure di sicurezza rafforzate rappresentano un passo necessario verso la tutela delle nazioni e dei loro cittadini.

Riproduzione riservata © 2024 - NM

ultimo aggiornamento: 20 Ottobre 2023 10:25

Patrick Zaki, Lega presenta interrogazione parlamentare: “Può fomentare terroristi”

nl pixel