Scontro Italia-Francia, Salvini cambia idea: pronto ad andare io da Castaner

Scontro Italia-Francia, il ministro dell’Interno apre al dialogo con la Francia: “Tornare ad avere dei buoni rapporti è fondamentale”.

ROMA – Lo scontro tra Italia e Francia continua. In giornata – come riportato dall’ANSA – il ministro dell’Interno, Matteo Salvini, aveva invitato il suo collega transalpino Christophe Castaner a Roma “per un confronto ed un proficuo scambio sui dossier aperti e per confermare una concreta volontà di collaborazione“.

Da sempre – ha sottolineato Salvini – i due Paesi condividono solidi rapporti bilaterali, con particolare riferimento ai campi della sicurezza, del terrorismo e dell’immigrazione. Rapporti che possono e devono ulteriormente essere sviluppati nell’interesse strategico e reciproco. Lo convocherò perché voglio risolvere la situazione“.

Non si è fatta attendere la risposta di Cristophe Castaner che ai microfoni di Bfm-TV dichiara: “Non mi faccio convocare da nessuno“. Dall’Eliseo inoltre confermano che “non c’è stato nessun passo indietro sulla questione Sea Watch“.

Nessuna “convocazione” precisa il ministro Salvini che si dice pronto “ad accoglierlo o andare io a Parigi già in questa settimana. Tornare ad avere buoni rapporti è fondamentale, prima lo si fa meglio è“.

Matteo Salvini
Matteo Salvini (fonte foto: https://www.facebook.com/salviniofficial)

Scontro Italia-Francia, da Parigi: “La ricreazione è finita”. Di Maio: “Non c’è in corso nessuna lite”

La dose viene rincarata dal ministro Nathalie Loiseau che parla di “un atto per dire che la ricreazione è finita” “La visita di Di Maio – dichiara riportata da Sky TG24è una ingerenza fuori luogo, un gesto ostile da persone che sulla carta sono governanti e la cui priorità dovrebbero essere gli interessi degli italiani. Il ministro italiano ha dimostrato sostegno a un leader non politico ma a qualcuno che ha lanciato un appello alla guerra civile, al rovesciamento del presidente, a un governo militare, una cosa mai accaduta prima“.

Secca la risposta di Luigi Di Maio: “Con Macron – dichiara – siamo rivali politici ma facciamo parte di governi, di popoli che sono amici. In corso non c’è alcuna lite e io ho il diritto di incontrare altre forze politica ma allo stesso tempo collaborare con il governo transalpino“.

Cerca di smorzare i toni il presidente della Camera, Roberto Fico: “La visita di Di Maio riguarda le elezioni europee e quindi è un dato che non mi interessa. Sono maggiormente interessato alla questione istituzionale che con la Francia deve andare avanti. Bisogna affrontare tutte le questioni, abbassare i toni e permettere alle istituzioni di tornare a lavorare“.

fonte foto copertina https://www.facebook.com/salviniofficial

ultimo aggiornamento: 04-02-2019

X