Lucia Azzolina, Investiamo sulla scuola. La Ministra annuncia: “Le cattedre non saranno toccate, non diminuiranno”.

Attraverso un post condiviso sulla propria pagina Facebook, la ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina ha iniziato a pensare a quello che potrebbe essere il futuro della scuola nei prossimi mesi e dopo l’emergenza coronavirus.

Di seguito il post condiviso da Lucia Azzolina sulla propria pagina Faceook

Lucia Azzolina, “Lavorare nell’ottica della riduzione del numero di alunni per classe”

Nel suo lungo post la Azzolina ha parlato con soddisfazione del fatto che le cattedre, nonostante la denatalità, non saranno toccate, non diminuiranno. La proposta interessante, quella che guarda al futuro, è la chiosa del messaggio della Ministra, che parla della possibilità di lavorare alla riduzione del numero degli alunni per classe.

“L’organico della scuola resta invariato. Le cattedre non saranno toccate, non diminuiranno, come abbiamo sempre promesso, nonostante la denatalità. È un risultato importante per il mondo dell’Istruzione. Non scontato. Frutto di una lunga interlocuzione con il Ministro Roberto Gualtieri, che ringrazio, e il Ministero dell’Economia e delle Finanze. Abbiamo fatto una scelta di campo, che non guarda ai meri calcoli numerici, ma che mette al centro i nostri ragazzi e i loro diritti. Che vede la scuola come settore su cui investire. E che consentirà di lavorare nell’ottica della riduzione del numero di alunni per classe”.

Lucia Azzolina
Fonte foto: https://www.facebook.com/LuciaAzzolina82

Il problema del sovraffollamento nelle classi

Il problema del sovraffollamento nelle classi in effetti è venuto prepotentemente alla luce proprio nel corso di questa emergenza coronavirus. Gli spazi stretti e i contatti ravvicinati costringono il sistema dell’Istruzione a frenare sulla possibilità di un rapido ritorno a scuola. E anche a settembre non è detto che si possa procedere con il ritorno degli studenti nelle aule.


Fase 2 differenziata per ogni Regione? Occhi puntati sul 4 maggio

Migranti, Ong contro il governo italiano: ‘Strumentalizza l’emergenza coronavirus’