Il rischio di un attacco nucleare russo verso l’Ucraina, diventa sempre più concreto. Kiev pubblicato guida social per allertare i cittadini.

Sotto la pressante e sempre più concreta minaccia di un attacco nucleare per mano russa, diretto all’Ucraina, il governo di Kiev ha pubblicato sui social una sorta di guida per i cittadini su come proteggersi e mettersi in salvo in caso di emergenza atomica. Premesso che chi si troverà nel raggio di 3 km dall’esplosione non avrà alcuna speranza. I restanti potrebbero sopravvivere se trovano riparo entro un quarto d’ora dall’esplosione.

bombardamenti guerra ucraina
bombardamenti guerra ucraina

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

La guida di Kiev

“Nel caso di un attacco nucleare le persone che si trovano oltre il raggio di tre chilometri dall’epicentro dell’esplosione possono salvarsi, per farlo seguite queste istruzioni”. Questo l’incipit del prontuario di emergenza pubblicato sui canali social – soprattutto nelle pagine delle zone vicino alla città di Odessa – dove stando a molti analisti le truppe russe potrebbero utilizzare armi atomiche tattiche.

“Nel caso non sentiate l’esplosione ci saranno sirene di allarme e comunicazioni ufficiali per avvertire tutti i residenti. Procuratevi un ricevitore radio perché potrebbe essere l’unico modo per rimanere in contatto. Attendete messaggi ufficiali e seguite le istruzioni senza farvi prendere dal panico. Avete non più di 15 minuti dall’impatto per cercare un rifugio sotterraneo come una stazione della metro o un parcheggio”.

“Nel caso non possiate scendere in un rifugio salite al decimo piano di un edificio e cercate una stanza isolata, possibilmente un bagno. Procuratevi una valigia con tutti i beni necessari, come acqua, cibo in scatola, torce, vestiti, radio e un kit di primo soccorso con pasticche allo iodio.”

Riproduzione riservata © 2022 - NM

Guerra in Ucraina

ultimo aggiornamento: 03-10-2022


Ferrari, attacco hacker e diffusione di dati online

Masha Amini, il leader Khamenei parla delle proteste sulla sua morte