Sei settimane di riposo per Marquez e poi potrebbe ritornare ad allenarsi. Obiettivo essere in pista a Losail nel 2022.

ROMA – Sono sei le settimane di riposo decise dai medici per Marc Marquez prima di ritornare ad allenarsi. Il pilota spagnolo è ancora alle prese con la sua diplopia e per un mese e mezzo non potrà salire su una moto. Una scelta precauzionale per provare a farlo rientrare regolarmente nei primi mesi del 2022.

La sua presenza, ai test invernali, però, non è ancora certa. Non si esclude, come già fatto in questa stagione, la possibilità di vederlo direttamente nel primo appuntamento stagionale. I dubbi, però, saranno sciolti solamente nelle prossime settimane.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Decisiva la visita prevista per il periodo di Natale

La nuova visita è prevista per il periodo di Natale. In quel momento si capirà se potrà ritornare in pista subito oppure se dovrà aspettare ancora qualche settimana. Le decisioni fino a questo momento sono state tutte prese in modo precauzionale e molto probabilmente si continuerà su questa strada anche perché si tratta di un problema di salute importante e non si vorrà rischiare.

Ma il pilota spagnolo non vede l’ora di scendere in pista per poter tornare a correre e sperare di lottare per il podio già nella prossima stagione anche se non sarà per nulla un compito semplice.

Marc Marquez
Marc Marquez

La Honda aspetta

La Honda attende con ansia il prossimo responso medico. La scuderia giapponese ha intenzione di confermare il pilota giapponese, ma i dubbi sono diversi e per questo motivo si stanno valutando anche le alternative. In caso di un addio per problemi fisici, molto probabilmente il sostituto sarà il fratello Alex ma sono anche altri nomi al vaglio dei vertici del team e i dubbi, come detto in più di un’occasione, saranno sciolti solamente a ridosso della prossima ssagione.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 28-11-2021


La MotoGP diventa Green: via i carburanti di origine fossile

Formula 1, orari e info streaming del GP d’Arabia Saudita