Salvini risponde al M5s: troppi selfie? Sto al Viminale il tempo necessario

Nuova polemica tra Salvini e il M5s. I grillini accusano: “Troppi selfie”. La risposta del ministro: “Io incontro gli italiani”.

ROMA – Nuova polemica tra alcuni parlamentari del M5s e Matteo Salvini. Come riportato dal Corriere della Sera, esponenti dei grillini hanno affermato la loro disapprovazione verso alcuni comportamenti del ministro dell’Interno: “Se contassimo le ore che lui – scrive il quotidiano – passa in giro a dichiarare e a farsi selfie piuttosto che al ministro ci verrebbe da sorridere“.

Polemica M5s-Salvini, il vicepremier leghista: “Sono contento di incontrare gli italiani”

Il pensiero dei parlamentari M5s è stato riportato al ministro da alcuni giornalisti presente a Verona per l’inaugurazione del Vinitaly. Matteo Salvini non ha fatto mancare la sua risposta polemica: “Io lavoro – dichiara citato dall’AGIsta cosa dei selfie non la capisco. Oggi potevo essere a casa ma sono orgoglioso di essere qui come lo sono stato ieri a Genova a visitare i cantieri del ponte Morandi. Se ci sono 10, 100 o 1000 persone che mi fermano, mi danno un suggerimento e mi stringono la mano sono ben contento. Io sto al ministero tutto il tempo che serve e poi incontro gli italiani”.

Matteo Salvini
Fonte foto: https://www.facebook.com/salviniofficial

Ma il vicepremier dichiara di non voler alimentare polemiche: “La cosa che mi interessa sono i fatti e incontrare gli italiani. Per il resto mi cucio la bocca. Ieri ero a Genova per la ricostruzione del ponte e i tempi verranno rispettati. Genova ha dato una bella lezione per tutti. Martedì sono all’inaugurazione del Salone del Mobile“.

Nuova polemica quindi tra Matteo Salvini e alcuni rappresentati del M5s. Al centro del discorso questa volta i selfie del ministro dell’Interno. Il vicepremier non le manda a dire ai colleghi di governo con un rapporto che continua ad essere molto complicato.

Di seguito il video con alcune dichiarazioni di Matteo Salvini

MATTEO SALVINI AL VINITALY DI VERONA!

Il Made in Italy è composto per oltre il 90% da aziende con meno di 10 dipendenti. Con la Flat tax al 15% per partite Iva e piccoli imprenditori abbiamo fatto una scelta precisa, rispettosa dell’identità dell’economia italiana, partendo dai piccoli e dai medi, da quelli che più di tutti hanno sofferto, e non ci vogliamo fermare.Non ho mai visto nessuno decrescere ed essere felice, quindi adesso proviamo a crescere felicemente, guardando sempre avanti.Ecco il mio discorso di poco fa al Vinitaly di Verona🇮🇹.

Pubblicato da Matteo Salvini su Domenica 7 aprile 2019

ultimo aggiornamento: 08-04-2019

X