Violenze sessuali di gruppo, sequestrata una casa famiglia in provincia di Vercelli. Per 5 educatori scatta il divieto di svolgere professioni a contatto con i bambini.

La Polizia ha sequestrato un casa famiglia a Caresana, in provincia di Vercelli dopo che le indagini hanno dimostrato diversi episodi di violenza sessuale di gruppo.

Violenza sessuale di gruppo, sequestrata casa famiglia in provincia di Vercelli

Le indagini coordinate dalla Procura hanno portato gli inquirenti a scoprire una casa famiglia degli orrori in provincia di Vercelli. nella struttura infatti si sarebbero verificati diversi episodi di violenza sessuale di gruppo.

Secondo le ricostruzioni, alcune persone ospitate nella comunità avrebbero violentato una ragazza. Gli episodi sarebbero stati molteplici e perpetrate nel tempo.

Polizia di Stato
fonte foto https://www.facebook.com/poliziadistato.it/

Le indagini degli inquirenti

Le forze dell’ordine hanno disposto il sequestro immediato della struttura. Inoltre a cinque educatori è stato vietato di esercitare ogni tipo di professione che possa metterli in contatto con minori. Per loro l’accusa è quella di aver tenuto una condotta omissiva, senza quindi denunciare gli episodi di violenza che si sarebbero svolti nella struttura in questione.

Gli agenti hanno proceduto inoltre con una perquisizione all’interno della casa famiglia in questione alla ricerca di indizi che possano fare luce sui casi di violenza sessuale che avrebbero avuto luogo proprio tra le mura della struttura.

I filoni dell’indagine sono quindi due. Uno mira a fare luce sulla posizione degli educatori, che avrebbero taciuto le violenze. Il secondo filone si concentra invece proprio sulle violenze sessuali che avrebbero avuto luogo nella struttura.

Perchè vaccinarsi contro l'influenza? Pro o contro

TAG:
cronaca evidenza Piemonte Ultima Ora Vercelli

ultimo aggiornamento: 13-12-2019


Inchiesta Fondazione Open, a Palazzo Chigi mail con progetti ‘utili’ ai finanziatori?

Miracolo di Natale a Conselve: staccano luce e gas a padre di 4 figli, utente in coda gli paga le bollette