La Serie A va avanti ma a capienza ridotta: solo 5.000 tifosi sugli spalti, quali sono i club più penalizzati.

L’emergenza Covid si abbatte sulla Serie A, con la Lega che ha deciso di ridurre la capienza degli stadi a 5.000 persone. Un compromesso tra le richieste del governo e quelle dei club. Da Palazzo Chigi era arrivato l’invito a prendere in considerazione l’ipotesi di sospendere il campionato o di giocare a porte chiuse. La risposta della Lega, prima dell’incontro con il governo, è stata quella di ridurre ulteriormente la capienza. E così, per due giornate di fatto, la capienza passa da 50% a 5.000 persone, con un notevole contraccolpo economico. Andiamo a vedere allora quali sono le squadre più penalizzate dalla decisione di ridurre ulteriormente la capienza.

Green Pass e Super Green Pass, tutte le regole dal 10 gennaio

Serie A, capienza ridotta a 5.000 persone: i club più penalizzati

Il limite a cinquemila persone scatta dal fine settimana del 15-16 gennaio, quindi dalla terza giornata del girone di ritorno Si andrà avanti per un paio di giornate, fino alla sosta. Due giornate che regalano comunque big match di grande importante. E, come noto, le partite di cartello sono quelle che premiano di più al botteghino.

Calendario alla mano, il 16 gennaio si disputa Atalanta-Inter, partita che avrebbe potuto richiamare un considerevole numero di spettatori sugli spalti. Il 22 gennaio allo stadio Olimpico di Roma si disputa Lazio-Atalanta, altra partita di richiamo. La terza partita di cartello è Milan-Juventus, in calendario per il prossimo 23 gennaio. Questa è sicuramente la partita di spicco che risentirà maggiormente della riduzione della capienza a cinquemila tifosi. Con una capienza al cinquanta per cento, la partita avrebbe potuto generare un incasso vicino ai tre milioni di euro. Con soli cinquemila tifosi sugli spalti invece gli incassi della serata calano drasticamente.

nuovo san siro nuovo stadio Kristoffer Ajer Matias Zaracho De Paul Kevin Bonifazi Adama Soumaoro Igli Tare San Siro André Silva Pepe Reina Milan-Brescia Giuseppe Sala
San Siro

La Supercoppa italiana

Le disposizioni della Lega salvano invece la Supercoppa italiana, che si disputa il 12 gennaio a San Siro. Per la partita in questione la capienza massima è fissata ancora al cinquanta per cento, quindi per Inter e Juventus gli incassi della serata sono salvi.

Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per seguire News Mondo su Twitter
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

Riproduzione riservata © 2022 - NM

calcio news Inter Juventus milan

ultimo aggiornamento: 10-01-2022


La variante Omicron ferma i trasporti, cancellati 180 treni regionali

Chi è Alessandro Bastoni, la carriera, la fidanzata e lo stipendio del difensore dell’Inter