Serie A, scontro tra Lega e Governo. Intanto in campo gol, baci e abbracci.
Vai al contenuto

Direttore: Alessandro Plateroti

Serie A, scontro tra Lega e Governo. Intanto in campo gol, baci e abbracci… alla faccia delle regole

Serie A, scontro tra Lega e Governo. Intanto in campo gol, baci e abbracci… alla faccia delle regole

Serie A, scontro tra Lega e Governo. Il ministro: “Scelta irresponsabile”. La replica di via Rosellini: “Abbiamo rispettato il decreto”.

ROMA – E’ scontro tra Lega e Governo sulla Serie A. Il ministro Spadafora ha parlato di “scelta irresponsabile” quella di far scendere in campo le squadre nonostante l’ultimo decreto ministeriale. Immediata la replica di via Rosellini: “Da Palazzo Chigi indicazioni contrastanti, noi abbiamo rispettato il provvedimento“.

Bonus 2024: tutte le agevolazioni

Il comunicato della Lega

La Lega ha replicato al ministro Spadafora con un duro comunicato: “Per tutelare il supremo interesse alla salute abbiamo sempre rispettato tutte le indicazioni governative ricevute sulla gestione epidemiologica del virus Covid-19, anche quando si sono manifestate in modo ondivago e contrastante“.

A salvaguardia della salute degli atleti tesserati delle Società e degli addetti ai lavori – prosegue la nota – la Lega ha riunito prontamente, la scorsa settimana, in conference call, i medici delle Società con il coordinamento del Prof. Casasco, per stabilire procedure e comportamenti atti a tutelare massimamente la salute di tutti. E anche oggi la Lega si è attenuata strettamente a quanto determinato dal Dpcm emanato questa mattina dal primo ministro Conte“.

Serie A 2019 2020
Fonte foto: https://www.facebook.com/SerieA

Abbracci e baci in campo

In campo, però, per novanta minuti le regole sembrano essere state dimenticate. Nonostante il mancato saluto (decisione presa anche dall’Uefa) di inizio partita, non sono mancati abbracci, baci e strette di mano ad ogni gol realizzato.

Misure, quindi, non rispettate in campo con il Governo che è pronto nelle prossime ore a chiedere la sospensione del campionato almeno fino al 3 aprile. Il passaggio decisivo, in questo caso, sembra essere il Consiglio Federale di martedì 10 marzo 2020 quando si deciderà sul futuro del campionato. Al momento l’ipotesi più probabile, come chiesto anche dai calciatori, sembra essere quella della sospensione ma non possiamo escludere ulteriori capovolgimenti nelle prossime ore.

fonte foto copertina https://www.facebook.com/vincenzospadaforaufficiale/

Riproduzione riservata © 2024 - NM

ultimo aggiornamento: 8 Marzo 2020 19:14

Nell’Italia in emergenza si litiga per una partita di calcio

nl pixel