Buell XB12: scheda tecnica dell’ultimo prodotto dell’azienda statunitense

La serie delle Buell XB12 è stata l’ultima prodotta dall’azienda fondata da Erik Buell prima della chiusura dell’attività alla fine del 2009.

La XB12 è un modello di motocicletta prodotto dalla Buell, una casa motociclistica statunitense (appartenente al gruppo Harley Davidson) che ha cessato la propria attività produttiva nel 2009. Ciononostante, come si legge sul sito ufficiale dell’azienda, “ogni nuovo modello Buell è coperto dalla garanzia Harley-Davidson, Inc. della durata di 24 mesi con chilometraggio illimitato. Harley Davidson Inc. nel frattempo ha continuato a fornire le parti di ricambio e garantire il servizio di assistenza agli oltre 200 centri di assistenza autorizzati “Buell Service” sparsi in tutta Europa“.

Scheda tecnica della Buell XB12

La serie XB della Buell entra in produzione nel 2003 e resta nella gamma dell’azienda fino alla cessazione dell’attività; comprende le varianti Firebolt, Lightning, Lightning Long,  Lightning City e Ulysses. Il motore della Buell XB12 è un V2 quattro tempi a 45° ma, in base agli allestimenti, cambiano i valori di prestazione e rendimento. I modelli della serie XB12 della Buel realizzano un efficace compromesso tra l’ingombrante motore Harley Davidson e la nuova livrea in alluminio, riuscendo a sintetizzarli in una moto sportiva, che abbina ottime prestazioni ad una grande facilità di guida, soprattutto per quanto riguarda la sensibilità e la stabilità della sterzata. Di seguito, vediamo nel dettaglio quali sono le caratteristiche di ciascuna.

Buell XB12R Firebolt. Prodotta tra il 2004 ed il 2010, monta un motore V2 quattro tempi a 45°, di 1203 centimetri cubi di cilindrata (rapporto alesaggio-corsa 88.9 x 96.8) in grado di erogare una potenza massima di 103 cavalli e raggiungere una velocità massima pari a 249 km/h. Per quanto riguarda le dimensioni, è lunga 1924 mm, larga 768 e alta 1092; ha un passo di 1320 mm e la seduta è a 775 mm di altezza. La livrea è in alluminio ed è dotata di un sistema di isolamento dalle vibrazioni prodotte dal power train; la trasmissione è a 5 marce, le sospensioni sono Showa 43 millimetri a forcella invertita con smorzamento in estensione e precarico regolabile sull’anteriore mentre le sospensioni posteriori sono monoammortizzatori con smorzamento in estensione e precarico regolabile. Il sistema frenante monta un pacchetto ZTL a sei pistoni sull’anteriore e un freno a disco singolo da 240 mm sul posteriore. Il serbatoio offre una capacità di 14 litri.

Buell XB12 Lightning S (2004-2007). Rispetto alla Firebolt, pur montando lo stesso propulsore, la Lightning S del 2004 sviluppa una potenza massima leggermente inferiore (100 cavalli) e per questo riesce a raggiungere una velocità massima minore (216 km/h); variano leggermente le dimensioni: questa versione si presenta più larga (831 mm) e più alta (1232 mm), pur mantenendo lo stesso passo, mentre cala leggermente l’altezza della seduta (10 mm in meno). Gli impianti di freni e sospensioni, invece, sono gli stessi. L’ultimo aggiornamento della Lightning S è quello del 2007, quando la Buell ne produsse una versione con le stesse dimensioni della Firebolt, leggermente più potente (da 103 cavalli) ma con le medesime capacità prestazionali.

Buell XB12 Lightning Scg. Prodotta tra il 2005 ed il 2010, questa versione è molto simile alla Firebolt: il propulsore è sempre un V2 a 45° a quattro tempi con due valvole per cilindro con una cilindrata di 1203 centimetri cubici, sviluppa una potenza massima di 103 cavalli ed è in grado di raggiungere i 216 km/h. La trasmissione è a 5 marce, le sospensioni sono Showa 43 millimentri a forcella invertita con smorzamento in estensione e precarico regolabile sull’anteriore mentre le sospensioni posteriori sono monoammortizzatori con smorzamento in estensione e precarico regolabile. Il sistema frenante monta un pacchetto ZTL a sei pistoni sull’anteriore e un freno a disco singolo da 240 mm sul posteriore. Le gomme griffate Pirelli sono ZR17 120/70 (anteriore) e 180/55 (posteriore). La moto è lunga 1935 mm ed è larga 726 mm, ha un passo di 1320 mm; la seduta si pone a 726 mm dal suolo. La capacità del serbatoio è di 14 litri.

A partire dal 2006, la Buell ne ha prodotta anche una versione ‘Long’ che, come evidenzia già il nome, era più lunga (oltre 2 metri) e più larga (755 mm) con anche un passo maggiore (1372 mm); questa versione offriva anche un serbatoio più capiente (quasi 17 litri) ma prestazioni leggermente inferiori (206 km/h di velocità massima) a parità di power train.

Buell XB12
Fonte immagine: https://www.flickr.com/photos/36254452@N02/5353766583

Buell XB12X Ulysses Adventure. Come detto, le Buell montano tutte lo stesso motore e anche la variante Ulysses non fa eccezione. Questa versione presenta diversi punti di contatto con la Lightning Long: le dimensioni sono leggermente maggiori sia in termini di lunghezza (2159 mm) che di altezza (1331 mm) mentre la larghezza (755 mm) e il passo (1372 mm) restano gli stessi; la seduta della Ulysses è più alta (ben 841 mm contro 775 mm). La capacità del serbatoio, invece, è la stessa: 16.7 litri. Le prestazioni, pur essendo simili, vanno leggermente a scapito della Ulysses che, con lo stesso power train, riesce a raggiungere ‘soltanto’ i 202 km/h.

Buell XB12XT Ulysses. Prodotta tra il 2008 ed il 2009, questa versione aggiorna ulteriormente verso l’alto le dimensioni della versione Adventure, portando la lunghezza a 2180 mm e l’ampiezza oltre il metro (1006 mm), pur diminuendo leggermente il passo (1369 mm) e abbassando la seduta a 780 mm dal suolo. Resta invariata la capacità del serbatoio da 16.7 litri mentre migliora leggermente la velocità massima (206 km/h).

Questa seconda versione della Ulysses venne concepita prevalentemente per le strade asfaltate, pur essendo derivata direttamente dalla precedente variante Adventure della Buell XB12 Ulysses. Non a caso, la XB12XT offre gomme Pirelli Strada sia all’anteriore che al posteriore mentre la Adventure monta gomme Dunlop D616F (anteriore) e Dunlop D616 (posteriore). Come riferisce la nota stampa emessa dalla Buell, la nuova versione è stata modulata per offrire le migliori prestazioni possibili su strada, con sospensioni ad hoc per neutralizzare le irregolarità del fondo stradale e un baricentro complessivamente più basso rispetto alla versione precedente. Inoltre, per aumentare il comfort e la facilità di guida, la moto offre un parabrezza piuttosto alto e le maniglie del manubrio riscaldate, così da facilitare la guida anche alle temperature più rigide. A sottolineare ulteriormente il carattere ‘urbano’ della XB12XT vi sono i “bagagliai” posteriori, che possono essere chiusi a chiave o, eventualmente, rimossi benché la loro presenza non pregiudichi la possibilità di avere a bordo una seconda persone oltre il guidatore.

Fonte immagine: https://www.flickr.com/photos/ardu84/3209431331

Fonte immagine: https://www.flickr.com/photos/36254452@N02/5353766583

Iscriviti alla Newsletter:

Acconsento all’invio di newsletter di Delta Pictures

ultimo aggiornamento: 13-03-2018

Redazione Napoli

X