La sfuriata di Zlatan Ibrahimovic dopo una sconfitta: “Ho un’isola e 300 milioni. Il primo che parla lo ammazzo”.

MILANO – La sfuriata di Zlatan Ibrahimovic dopo una sconfitta raccontata da Joao Pedro. L’ex compagno dello svedese ai Los Angeles Galaxy ha raccontato a Record un aneddoto sull’attuale attaccante del Milan.

Ci disse – svela il portoghese – il primo che parla lo ammazzo. Giocavamo in trasferta contro gli Houston Dynamo, stavamo vincendo 1-0, poi siamo stati ripresi sul 2-2 e alla fine ci hanno segnato il gol del 3-2. A fine gara è arrivato il duro rimprovero di Zlatan. Ci ha detto ‘se siete venuti qui per andare in spiaggia o passeggiare a Hollywood dovete dirmelo e dovete farlo adesso. Ho 300 milioni sul mio conto in banca e possiedo un’isola, non ho bisogno di tutto questo. Ora la prima persona che parla lo ammazzo, lo ammazzo davvero“.

Un altro aneddoto su Ibrahimovic raccontato da Joao Pedro

Il giocatore portoghese in questa intervista ha raccontato anche un secondo aneddoto: “Stavamo iniziando una partita, qualcuno chiese chi dovesse dare il via alla partita. Un assistente scelse me dicendo che fosse il mio compleanno. Allora Ibra lo guardò e gli disse: ‘Ogni giorno è il compleanno di Zlatan… Dammi la palla! E si mise a ridere“.

Le nuove linee guida per viaggiare in UE e non

Zlatan Ibrahimovic
Zlatan Ibrahimovic

Il futuro di Ibrahimovic ancora in Serie A?

Le storie di spogliatoio su Ibra non mancano ma lo svedese in questi giorni è impegnato a decidere il suo futuro. L’ipotesi di un rinnovo con il Milan è sempre più difficile con il Bologna in pressing sul giocatore per ottenere la firma.

Le decisioni saranno prese solo al termine di questa emergenza con il giocatore che potrebbe avere dei nuovi contatti con Gazidis. I rossoneri proveranno a convincere Zlatan ma gli addii di Boban e Maldini potrebbero essere decisivi per una separazione. E il Bologna spera…

TAG:
calcio news Inter Juventus milan

ultimo aggiornamento: 20-04-2020


Uefa: “Finiremo i campionati”. Malagò frena: “Figc pensi ad una soluzione alternativa al ritorno in campo”

Spadafora gela la Figc: “Ripartenza non certa”