La polizia sta indagando sul caso della morte di Roberto Brunetti, detto “Er Patata”. Trovate tracce di cocaina ed hashish nell’abitazione.

Aperto un fascicolo per morte come conseguenza di altro reato da parte della polizia di Roma. Sequestrato il cellulare di Roberto Brunetti. Adesso sono in corso le indagini per scoprire chi ha venduto la cocaina e l’hashish a “Er Patata”.

Leonardo Pieraccini, Neri Parenti e Massimo Boldi parlano di “Er Patata”: “Era semplice, solare, simpatico. Un uomo sensibile, modesto e ingenuo.” Ma nonostante le belle parole, nessuno l’avrebbe aiutato in tutti questi mesi. Dopo la scarcerazione, Roberto Brunetti si è ritrovato solo, abbandonato sia dal mondo del cinema che dai suoi amici.

«L’ultima volta che l’ho visto sarà stato un paio di giorni fa: su per le scale con la bambina che correva e lui che le diceva aspetta nì che non ce la faccio, si fermava sempre per un saluto, una battuta, solo qualche sera fa avevo visto in tv un film in cui c’era lui, gliel’avevo detto e mi rispose, signò, sono finiti quei tempi». Roberto Brunetti è morto nelle case popolari a pochi metri dalla stazione. Aveva 55 anni ed abitava a Roma. Il suo soprannome era “Er Patata” ed aveva lavorato per il cinema.

Ambulanza
Ambulanza

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Il ritrovamento

Aveva interpretato uno dei fratelli Buffoni nel film diretto da Michele Placido in Romanzo Criminale. Il suo corpo senza vita è stato trovato nella sera di venerdì, verso le 22. Era ancora a letto, sdraiato supino e coperto solo da un lenzuolo. Era morto da diverse ore. Il corpo è stato ritrovato grazie all’ex compagna e ad alcuni parenti, che non sentendolo da giovedì sera si sono preoccupati ed hanno chiamato le forze dell’ordine. Sul posto sono arrivati anche i vigili del fuoco per sfondare la porta dell’abitazione.

Nessuno dei suoi vicini pensava che Er Patata fosse morto. Mario Ricciotti, suo vicino di casa, ricorda l’accaduto: «Pensavo ad un incidente domestico, credevo che una donna si fosse scottata perché urlava, non pensavo proprio ad una cosa del genere». All’interno dell’abitazione di Roberto Brunetti la polizia ha trovato tracce di cocaina ed anche due panetti di hashish, insieme ad un bilancino di precisione.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

giallo

ultimo aggiornamento: 05-06-2022


America, nuova sparatoria

Morta dopo una festa, il fidanzato simulò il suicidio