In corso lo spoglio delle elezioni regionali in Sicilia: sembra puntare verso la vittoria il candidato del centrodestra Renato Schifani.

Durante lo spoglio delle elezioni del 2022 della regione Sicilia, scopriamo chi sarà a succedere al governatore Nello Musumeci. La maggioranza punta tutta sul candidato del centrodestra Renato Schifani, ma i risultati non sono ancora volti al termine. Le operazioni sono iniziate alle 14:00, dopo lo spoglio per i risultati alle elezioni politiche 2022.

elezioni italia
elezioni italia

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Spoglio regionale

In seguito allo spoglio per i risultati alle elezioni politiche 2022, hanno avuto inizio alle ore 14:00 le operazioni sullo spoglio per le elezioni regionali della Sicilia. 5.293 sezioni attive che lavorano alla scoperta del candidato vincente per la presidenza della regione.

In tutto sono sei i candidati per la poltrona di Palazzo d’Orleans per succedere al governatore Nello Musumeci. Secondo i primi risultati, Renato Schifani, candidato del centrodestra, è in testa con il 42,2%. Al secondo posto abbiamo Cateno De Luca, di Sicilia Vera, con il 22,6%, e successivamente l’eurodeputata del Pd Caterina Chinnici col 17%, e Nuccio Di Paola, del M5s, con il 16,1%.

In Sicilia solo il 48,62% degli elettori aventi diritto ha votato, cioè 2.249.870 votanti su 4.627.146 elettori. Il dato sull’affluenza del 2022 è comunque superiore a quello di cinque anni fa che contava un 46,75% della popolazione con diritto votante. Rispetto alle elezioni politiche però è un dato inferiore inferiore di 8,7 punti percentuali.

La provincia con l’affluenza più alta è Messina, al 53,4%. A seguire Catania col 52,24% e Palermo al 50,14%. Per le altre province invece abbiamo: Siracusa 48,37%, Trapani 48,12% , Ragusa 47,08%, Agrigento al 41,46% , Caltanissetta 40,81% e infine Enna al 39,99% .

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 26-09-2022


Elezioni 2022, Usa ansiosi di lavorare con l’Italia

Conte avverte: “Meloni, niente stravolgimenti costituzionali”