Dopo le elezioni del 25 settembre dell’Italia, Antony Blinken sostiene la volontà di collaborare col nuovo governo su obiettivi condivisi.

Usa al fianco dell’Italia ancora più di prima, dopo la notizia della vincita alle elezioni del centrodestra. L’alleanza fra i due Stati deriva dalla condivisione di obiettivi in comune: tra queste, diritti civili e rispetto per l’ambiente, ma innanzitutto la protezione e il sostegno per l’Ucraina. A dichiararlo, il segretario di Stato Usa Antony Blinken, che parla del tipo di appoggio che il Paese dà alla nazione ucraina.

Giorgia Meloni
Giorgia Meloni

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Insieme per l’Ucraina

La giornata del 25 settembre ha portato alla luce la vittoria del centrodestra guidato dalla leader FdI Giorgia Meloni. I valori della nuova premier del Paese rispecchia esattamente quelli degli Stati Uniti, i quali annunciano approvazione e consenso per il prossimo futuro dell’Italia.

Il segretario di Stato Usa, Antony Blinken, scrive su Twitter di essere felice di collaborare col nuovo governo italiano eletto nella giornata di ieri. A dare frutto all’alleanza fra Usa e Italia, gli obiettivi condivisi che rendono le due prospettive univoche. A partire dal sostegno dell’Ucraina fino al rispetto dei diritti umani e alla propensione verso un’esistenza più ecologica. “L’Italia è un alleato vitale – dichiara Blinken – una forte democrazia ed un apprezzato partner”.

Sulla domanda riguardo la richiesta di Kiev a Washington di fornire i sistemi missili terra-terra a lungo raggio, però, il segretario di Stato non da una risposta diretta. “Qualsiasi cosa loro mettano sul tavolo è qualcosa che noi consideriamo, per dare la nostra migliore valutazione su quello che possa essere efficace per loro”, dichiara.

Il ministero degli Esteri russo spiega che l’invio di queste armi significherebbe il superamento di “una linea rossa” e di conseguenza il coinvolgimento diretto degli Stati Uniti nel conflitto. Gli Usa non hanno la necessità di inviare i sistemi Atacms, dato che l’Ucraina non ne ha realmente bisogno per colpire obiettivi “direttamente rilevanti per il conflitto in corso”.

Gli Stati Uniti garantiscono il sostegno per l’Ucraina dando in mano ad essa gli strumenti necessari per difendersi. Al momento, questa tipologia di armeria non rientrerebbe nel “necessario” per difendere il proprio territorio. Ieri Volodymyr Zelensky ha annunciato di aver ricevuto i sofisticati sistemi di difesa aerea, National Advanced Surface-to-Air Missile System, noti come Nasams.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

Speciale Governo

ultimo aggiornamento: 26-09-2022


Seggi per Camera e Senato, quale sarà il nuovo aspetto del Parlamento?

Sicilia, risultati delle elezioni regionali del 2022