L’ex postina 77enne, Silvia Cipriani, scomparsa a Rieti a luglio, viene ritrovata senza vita. Il nipote indagato per omicidio volontario.

La scomparsa di Silvia Cipriani, ex postina 77enne, avvenne a luglio. Con l’avanzare delle indagini, furono rinvenute prima la macchina della donna e successivamente la borsa e una scarpa. Dopo due mesi di ricerche anche il corpo è stato ritrovato dagli inquirenti, e delle impronte recuperate dalla scientifica nella macchina della donna hanno posto sotto indagine suo nipote Valerio.

Carabinieri
Carabinieri

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

La tragedia

Silvia Cipriani è l’ex postina 77enne di Rieti scomparsa il 26 luglio 2022. In un primo momento è stata rinvenuta la sua auto grigio metallizato coperta da una fitta vegetazione, avvistata casualmente da un cercatore di funghi in un area boschiva. Non avendo trovato il corpo di Silvia però, gli investigatori hanno continuato le indagini sui dubbi nascenti dal fatto.

Successivamente, gli inquirenti hanno anche ritrovato una borsa e una scarpa di Silvia Cipriani, nella zona di confine tra i Comuni di Montenero e Casaprota. Dopo due mesi dalla scomparsa, il corpo della donna è stato ritrovato il 28 settembre poco distante dalla sua auto.

L’ipotesi sulla causa della sua scomparsa gira intorno a ragioni economiche, che riguarderebbero un casolare del quale la donna è proprietaria. Il nipote, indagato per omicidio volontario.

Le impronte sull’auto di Silvia

L’ex postina viveva tra Rieti e Contigliano dove aveva un casale con una stalla dove allevava animali da cortile e alcuni cani. Alcune impronte repertate dalla scientifica all’interno dell’abitacolo della sua auto, fanno dubitare gli investigatori sull’incidente stradale che ora sembra più trattarsi di omicidio.

Il nipote Valerio è stato indagato per omicidio volontario, ma non per occultamento di cadavere. L’avvocato di Valerio, Luca Conti, afferma: “Quale che sia la causa della scomparsa della signora Cipriani, Valerio Cipriani non c’entra niente. Al momento il mio cliente risulta come persona offesa oltre che come persona sottoposta a indagine. Lui è molto tranquillo e spera che innanzitutto si scopra se i resti ritrovati siano o meno quelli di sua zia”.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

giallo

ultimo aggiornamento: 08-10-2022


Sopravvive ad attentato terroristico, ma muore per eutanasia

Napoli, macchine in sosta selvaggia non permettono intervento 118